Home Articoli HP Salone del Gusto di Torino 2018, l’evento trasloca: sarà organizzato in periferia

Salone del Gusto di Torino 2018, l’evento trasloca: sarà organizzato in periferia

5784
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Salone del Gusto di Torino 2018, l’evento trasloca: sarà organizzato negli spazi ex Fiat di Mirafi

Il Salone del Gusto di Torino 2018 sarà ancora una volta un evento diffuso.

La kermesse dedicata al cibo sarà caratterizzata da una moltitudine di appuntamenti dislocati sul territorio. La segretezza imposta dagli organizzatori della manifestazione, però, non ha permesso di definire con certezza i luoghi in cui si terranno gli eventi.

Il Salone, giunto alla sua 22esima edizione, ha sempre potuto contare sulla disponibilità di location d’eccezione. Ne sono stati esempi la Mole Antonelliana, la Reggia di Venaria, il Parco del Valentino, il Borgo Medievale, il Palazzo Reale di Torino, Torino Esposizioni, il Politecnico di Torino, Eataly e il Circolo del Lettori.

Ci sono però alcune informazioni già certe. Con molta probabilità saranno abbandonati gli ambienti del Valentino. Il Parco, da molti visto come una soluzione troppo caotica, sarà rimpiazzato dagli spazi ex Fiat di Mirafiori. Parliamo precisamente dei padiglioni dello Spazio MRF. Questi ultimi, gestiti da Torino Nuova Economia S.p.A., hanno già avuto modo di ospitare eventi culturali. Rappresentano un ottimo punto di riferimento per il piano di rilancio delle periferie, in questo caso della parte meridionale della città.

Un’altra certezza sarà l’ingresso gratuito. Sarà possibile prendere parte a convegni, accedere a mercatini e visionare stand senza pagare alcuna quota. Una iniziativa già proposta nel 2016, in occasione del ventesimo anniversario dell’evento.

Correlato:  Tutta Torino si mobilita alla ricerca del cane Josh, il Setter Breton scappato pochi giorni fa

Per ulteriori informazioni sul Salone del Gusto di Torino 2018 bisognerà aspettare ancora qualche giorno. Il programma e i luoghi saranno svelati nelle settimane a venire, tramite incontri con la stampa da parte dei vertici organizzativi.

(Foto tratta da VolontariatOggi)



Commenti