Home Articoli HP Riqualificazione dei portici di via Nizza, pronto un progetto artistico e culturale...

Riqualificazione dei portici di via Nizza, pronto un progetto artistico e culturale negli spazi dell’ex Mellow

857
SHARE

Riqualificazione dei portici di via Nizza, pronto un progetto artistico e culturale negli spazi dell’ex Mellow: il proprietario dei muri mette a disposizione la struttura gratuitamente per le associazioni

La riqualificazione dei portici di via Nizza è uno dei problemi maggiormente sentito dai torinesi per quanto riguarda il degrado a Torino.
Un punto della città ormai in balia dello spaccio, del degrado e della prostituzione. Una situazione insostenibile, al limite del sopportabile. Tanto che i commercianti e i residenti della zona sono i primi a far sentire la propria voce, poiché quest’area è diventata letteralmente invivibile.
Per tamponare parzialmente la situazione, il proprietario dell’hotel Crystal Palace, Roberto Coletta, ha pensato a una originale soluzione. Ha deciso infatti di mettere a disposizione gratuitamente i locali dell‘ex Mellow. Uno spazio di circa 600 metri quadrati, chiuso da dodici anni, di cui Coletta è proprietario.
Il locale ha da poco assunto la denominazione di #spazionizza11, poiché si trova al numero civico 11 della via. A fine 2017 vi erano stati organizzati già dei primi appuntamenti sperimentali. Da inizio febbraio, però, ci sarà un programma ben definito di eventi e manifestazioni.

Gli obiettivi del progetto

Parliamo di un luogo che potrà essere utilizzato dalle associazioni di quartiere, principalmente per attività artistiche, culturali e di pubblica utilità. Quello che fino a un decennio fa era un fast food diventerà un punto di riferimento per giovani, tra eventi, mostre, spettacoli e sportelli informativi. L’obiettivo, ovviamente, è quello di strappare questo tratto della via alla criminalità, alla sporcizia e al degrado.
La riqualificazione dei portici di via Nizza parte dunque dai cittadini. La volontà di rendere nuovamente accogliente uno degli angoli del centro spinge i torinesi a escogitare qualsiasi iniziativa in grado di migliorare una situazione difficile.
Un esempio che fa da monito all’amministrazione comunale, invitata ad intervenire per supportare questi progetti e di avviarne di nuovi. Come quelli per i portici di via Sacchi, altra zona centralissima, da troppo tempo abbandonata a sé stessa e interessata da nobili iniziative per il suo rilancio.
Per tutti coloro che sono interessati a prendere parte a questa novità, è possibile mandare una e-mail all’indirizzo rilanciamoiporticivianizza@gmail.com.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here