Home Articoli HP Riqualificazione di via Nizza, a marzo l’apertura dei cantieri: tempi e modalità...

Riqualificazione di via Nizza, a marzo l’apertura dei cantieri: tempi e modalità di realizzazione già definiti

2580
SHARE
Riqualificazione di via Nizza, a marzo l'apertura dei cantieri: tempi e modalità di realizzazione già definiti
Riqualificazione di via Nizza, a marzo l'apertura dei cantieri: tempi e modalità di realizzazione già definiti
Tempo di lettura: 1 minuto

Riqualificazione di via Nizza, a marzo apriranno i cantieri: i dettagli delle operazioni

La riqualificazione di via Nizza è una delle opere in materia urbanistica più importanti che interesseranno Torino nell’immediato futuro.
Un progetto ambizioso, di cui si è a lungo parlato nei mesi scorsi. I cambiamenti che ne deriveranno rivoluzioneranno il volto della via. Saranno disponibili solo due carreggiate, una per ogni senso di marcia. Non sarà più possibile vedere un accumulo di file di macchine. Anzi, lo spazio per le auto sarà notevolmente limitato, poiché saranno realizzate due piste ciclabili, una per ogni lato della strada. Saranno così decimati i parcheggi. Gli attuali 480 posti auto diventeranno 355, per un totale di 135 spazi soppressi.
Al centro del progetto non mancherà la riqualificazione dei marciapiedi, che saranno restaurati. Saranno inoltre dotati di scivoli per il transito di disabili, oltre che di fioriere. In prossimità di Porta Nuova saranno piantati anche 70 nuovi alberi.
Il denaro per la realizzazione di questa grande trasformazione sarà messo a disposizione dal Pon 2014-2020. Si tratta di una cifra imponente, poiché si parla di 2 milioni e 900mila euro. La base d’asta è fissata a 2 milioni e 300mila euro.
Il 30 gennaio sarà aperto il bando per l’aggiudicazione dei lavori. L’apertura dei cantieri è fissata per la fine del mese di marzo. La chiusura e la consegna delle opere sono previste per l’autunno del 2019, in quanto i lavori non dureranno meno di un anno e mezzo.

I progetti per il futuro

La riqualificazione di via Nizza, al momento, coinvolgerà solo il tratto compreso tra corso Vittorio Emanuele II e piazza Carducci.
L’idea dell’amministrazione comunale è quella di estendere le operazioni anche alla parte della via che va da piazza Carducci a Lingotto Fiere. Ciò dovrebbero avvenire solo in seguito alla conclusione dei lavori che stanno per iniziare.
Si tratterebbe di un’altra operazione imponente, che richiederebbe un esborso che Palazzo Civico non potrebbe affrontare autonomamente. L’ipotesi più concreta è data dall’utilizzo dei fondi provenienti da Eataly. Il punto commerciale dell’azienda di Oscar Farinetti dovrebbe espandersi e raddoppiare. Per fare ciò, dovrà versare un importante indennizzo per gli oneri di urbanizzazione. Denaro, questo, che sarà immediatamente impiegato per la riqualificazione del restante tratto di via Nizza.
Si parla, ovviamente, solo di ipotesi, che però troveranno attuazione con buona probabilità. Gli stessi vertici dell’azienda hanno confermato queste volontà, anche in mancanza di tempi certi e progetti concreti.


Commenti

Correlato:  Villa Taranto, sede della Prefettura del Verbano-Cusio-Ossola