Home Articoli HP Musei, a Torino i primi bilanci del 2017: sorridono Museo del Cinema...

Musei, a Torino i primi bilanci del 2017: sorridono Museo del Cinema e Mauto

1772
SHARE
Musei, a Torino i primi bilanci del 2017: sorridono Museo del Cinema e Mauto
Musei, a Torino i primi bilanci del 2017: sorridono Museo del Cinema e Mauto

Musei, a Torino iniziano i primi bilanci del 2017: in attivo il Museo dell’Auto e il Museo del Cinema, stabile la Reggia di Venaria, mentre scende il Museo Egizio

I musei, a Torino, iniziano a tirare le somme dei risultati raggiunti nel 2017. Si comincia a fare un rapido giro di calcoli, per osservare l’andamento dell’anno che è appena terminato. Rispetto al 2016, le novità sono davvero tante.
La variazione che fa più scalpore riguarda il Museo Egizio. La struttura di via Accademia delle Scienze, quest’anno, ha accolto poco più di 850mila persone. Nel 2016, invece, gli ingressi erano stati oltre 881mila. Una perdita di 30mila visitatori, che è stata parzialmente tamponata dalle mostre organizzate all’estero con alcuni pezzi. I tesori esposti al Museo dell’Antichità di Leiden e all’Ermitage di San Pietroburgo hanno attirato oltre 400mila visitatori. Un numero destinato a crescere con i tour recentemente organizzati in Cina.
Sorride invece il Museo del Cinema. Nell’arco di un anno, ha visto un incremento dei visitatori del 5%. Il risultato record di 690mila accessi del 2016 è stato ulteriormente migliorato quest’anno, quando è stata toccata quota 710mila visite.
Piccolo, ma irrilevante aumento anche per la Reggia di Venaria, che ha chiuso l’anno con 1 milione e 39mila visite. L’incremento rispetto all’anno precedente è stato di 27mila unità.
Sono stati 150mila i biglietti staccati nel 2017 al Museo del Risorgimento, mentre il Castello di Rivoli è stato scelto come meta da 116mila persone (+10% rispetto al 2016). Bene anche il Museo dell’Auto, che ha sfruttato benissimo le festività natalizie per aumentare i suoi visitatori annuali. Solo negli ultimi giorni, sono arrivati poco più di 7mila turisti.
Dunque, i musei, a Torino, hanno fatto registrare risultati molto altalenanti nel 2017. La speranza, per tutte le strutture torinesi, è quella di quantomeno ripetere quanto fatto in questi dodici mesi, e magari di migliorare laddove non si sono verificati numeri da record. Tutto dipenderà dall’allestimento delle mostre e dai programmi messi a disposizione, oltre che dalle strategie dei vertici dei vari musei.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here