Home Articoli HP Torino, cani avvelenati in zona Lucento: sostanze pericolose nei prati dei parchi

Torino, cani avvelenati in zona Lucento: sostanze pericolose nei prati dei parchi

2865
SHARE
Lungo Dora Napoli, i cani sono in pericolo: bocconi e arancini ripieni di chiodi nascosti nell'erba dei giardini della zona
Lungo Dora Napoli, i cani sono in pericolo: bocconi e arancini ripieni di chiodi nascosti nell'erba dei giardini della zona

Torino, cani avvelenati in zona Lucento: sostanze pericolose nei prati dei parchi di corso Toscana e via Verolengo

A Torino, cani avvelenati e animali maltrattati sembrano essere ormai all’ordine del giorno. Una triste realtà ormai consolidata dalle pessime abitudini di alcuni incivili, che tentano di fare del male (o addirittura uccidere) ai nostri animali domestici.
Questa volta, il caso più eclatante riguarda la Circoscrizione 5. In zona Lucento, precisamente nei parchi tra via Verolengo e corso Toscana, i prati sono stati cosparsi di veleno. Le sostanze, fortemente dannose, sono state ingerite già da due cani. Questi ultimi hanno riportato gravi problemi, che si sono manifestati solo dopo alcune ore.
Gli effetti del veleno, invisibile a occhio nudo, non permettono un intervento tempestivo. Ci si trova dunque di fronte a una vera e propria emergenza, che i padroni degli animali della zona hanno iniziato a fronteggiare con gruppi WhatsApp e Facebook e con continui contatti e segnalazioni.

I precedenti casi di pericolo per i nostri amici a quattro zampe

A Torino, cani avvelenati e ingannati dai bocconi killer sono una consuetudine che il Comune sta cercando di fronteggiare.
Una situazione pericolosa, che ha già avuto svariati precedenti. Prima i casi di Lungo Dora, poi quelli del quartiere San Donato, in corso Gamba. E ancora, polpette e spicchi d’aglio pieni di chiodi in via Artom, in zona Mirafiori Sud.
Insomma, una minaccia dilagante, che intimorisce enormemente i padroni. A tal proposito, sono sempre più frequenti i sopralluoghi degli specialisti del Comune. Se però le polpette e i bocconi potevano essere evitati già dai cittadini, il problema si fa nettamente più imponente con il veleno. Saranno così effettuate analisi e controlli, per evitare che i cani vengano a contatto dell’erba contaminata e che si sentono male anche solo leccando il prato.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here