Home Articoli HP Grande attesa per la neve a Torino: previsti 10 cm nel fine...

Grande attesa per la neve a Torino: previsti 10 cm nel fine settimana

992
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Arriva la neve a Torino: i torinesi pronti ad ammirare il manto bianco tra le strade e sui monumenti della città

C’è grande attesa per la caduta della neve a Torino. Le previsioni del meteo degli scorsi giorni hanno anticipato le nevicate del prossimo week end. Previsioni che tengono con il fiato sospeso tutti i torinesi, per svariati motivi.
I più piccoli sono senza dubbio entusiasti di questo avvenimento. Negli ultimi anni è stato sempre più raro vedere fiocchi di neve in città, a causa di inverni sempre meno rigidi e sempre più secchi. È almeno dal gennaio del 2012 che non si vedono precipitazioni copiose di questo genere: un lasso di tempo enorme, di quasi sei anni.
Di certo, non si tornerà ai fasti della seconda metà degli anni Ottanta. All’epoca, tra il 1985 e il 1987, le tre stagioni invernali che si susseguirono portarono in città qualcosa come 50 cm di neve. Qualcosa di simile accadde solo a metà dell’Ottocento. Nel dicembre del 1844, a Torino si accumularono 67 cm di neve. Un numero impressionante, che mandò inevitabilmente in tilt la città.
La notizia dell’arrivo della neve a Torino, però, non ha reso felici tutti, anzi. Molti, soprattutto i lavoratori, temono molto i disagi che le nevicate potrebbe portare alla viabilità. Gli automobilisti e coloro che si muovono con i mezzi pubblici andrebbero incontro a numerose difficoltà di spostamento. Perciò, Amiat ha già attivato le proprie risorse per cautelarsi e affrontare sin da subito la potenziale emergenza.
Per quanto riguarda i comuni e le aree coinvolte dalle nevicate, le più indicate sono  Torino, la sua area limitrofa, il Piemonte centrale e meridionale, il Monferrato, il Monregalese e le zone prossime all’Appennino Ligure. Seguiranno aggiornamenti, per capire come si evolverà la situazione.


Commenti

Correlato:  A Torino una montagna artificiale per ridurre l'inquinamento: l'ultima trovata per combattere lo smog
SHARE