Home Articoli HP O-Bike, a Torino un’altra iniziativa di bike sharing tutta orientale

O-Bike, a Torino un’altra iniziativa di bike sharing tutta orientale

2735
SHARE

O-Bike, a Torino arriva un’altra start up di bike sharing: bici color giallo ocra e libertà di utilizzo

Il servizio O-Bike, a Torino, è una delle ultime novità sui trasporti ecologici della nostra città.
Si tratta di una start up con sede a Shanghai. Sbarca, almeno inizialmente, nel capoluogo piemontese già portando in dote 500 biciclette. Entro la fine di dicembre del 2017, le bici dovranno poi diventare 5mila.
Un investimento cospicuo e immediato, che ci permetterà di contare su un altro servizio di free floating. I mezzi possono essere utilizzati a flusso continuo, sbloccandoli con un’apposita applicazione per dispositivi mobili. Dopo averne usufruito, l’utente può parcheggiare la bicicletta ovunque, senza essere vincolato a raggiungere una rastrelliera o una postazione definita. La particolarità di questi mezzi a due ruote è il loro singolare colore giallo ocra, che ha invaso già 40 città di 15 Paesi diversi.
Con O-Bike, a Torino arriva un’altra iniziativa di bike sharing. Oltre al servizio ToBike, sono arrivate in città altre compagnie interessate a portare avanti questo tipo di progetto. Parliamo del free floating già offerto da Gobee.bike, Ofo e Mobike. Tutte le start up provengono dalla Cina e sono legate a Paesi orientali. Tutte coprono numerose metropoli e città molto note in tutto il mondo. A breve, dopo gli esperimenti sulle prime realtà italiane, diventeranno note in tutta Italia e saranno un punto di riferimento per i numerosi cittadino abituati a spostarsi in bici.
Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here