Home Salute NICO di Orbassano, scoperto un nuovo interruttore che permette al cervello di...

NICO di Orbassano, scoperto un nuovo interruttore che permette al cervello di adattarsi e ripararsi

361
SHARE

NICO di Orbassano, una nuova grande scoperta in campo scientifico: identificato un interruttore che permette al cervello di adattarsi e ripararsi

Una nuova grande scoperta in campo scientifico riguarda da vicino il NICO di Orbassano. Il Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, che ha sede presso l’ospedale San Luigi, ha preso parte a uno studio comune con il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino e il Brain Research Institute (Università di Zurigo).
 
La cooperazione tra questi soggetti ha permesso di giungere alla scoperta di un nuovo recettore della proteina NoGo-A. Quest’ultimo regola tutte le forme di plasticità nel sistema nervoso centrale e la capacità del cervello di adattarsi e ripararsi in seguito a un danno. Un ambito, questo, che è oggetto di studi da circa vent’anni.
 
La ricerca, resa nota dalla rivista Developmental Cell, dimostra come siano stati scoperti dei particolari recettori negli zuccheri di membrana Eparan Solfato Proteoglicani. Zuccheri in grado di fronteggiare degnamente NoGo-A nel suo punto debole: la coda.

La soddisfazione dei vertici del NICO

I vertici del NICO di Orbassano hanno espresso grande soddisfazione per l’operato dei ricercatori. Un orgoglio enorme per aver avuto un ruolo da protagonista in questo passo in avanti nello studio del NoGo-A.
I professori che hanno contribuito a questa ricerca, però hanno sottolineato due elementi in contraddizione. Il primo è la grande capacità degli studiosi nostrani, che hanno mezzi umani molto buoni. Queste qualità, però, si scontrano con la mancanza di fondi, che spesso non bastano per finanziare delle ricerche a medio o lungo termine. Un forte impedimento, che ostacola vistosamente i possibili progressi in qualsiasi campo scientifico.
Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here