Home Articoli HP Il viaggio da Palermo a Torino con un asino: l’incredibile impresa di...

Il viaggio da Palermo a Torino con un asino: l’incredibile impresa di un ragazzo torinese

1911
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Alla scoperta del viaggio da Palermo a Torino con un asino di Nicola Winkler: l’incredibile impresa di un ragazzo torinese di 20 anni

Un viaggio da Palermo a Torino con un asino? Si può. È l’insolita avventura di Nicola Winkler, ragazzo torinese di appena vent’anni, che ha deciso di cimentarsi in questa impresa.
Il giovane, studente della Dams (Università di cinema e spettacolo), ha iniziato lo scorso aprile il suo personalissimo itinerario. È partito da Scillato, nelle Madonie, ed è ora giunto in Toscana, a Lucca. Il tutto sarebbe dovuto durare sette mesi, ma così non è stato. Continua dunque la sua avventura.
Ogni giorno, il ragazzo percorrere venti chilometri. Dopodiché si ferma da chiunque si offra di garantirgli vitto e alloggio. Il tragitto non ha una struttura definita: varia in base agli spostamenti e alle necessità del conducente e dell’animale.
Il viaggio da Palermo a Torino con un asino può nascondere molti significati. Il suo progetto, “Non fare l’asino“, vuole spiegare molti aspetti del nostro Paese e della realtà del sud Italia. Una realtà ancora rurale, quasi immobile rispetto ai cambiamenti. Ma non è solo il contesto a essere analizzato. Anche l’asino, sinonimo di testardaggine, ignoranza e pigrizia nel nostro gergo, è al centro delle riflessioni.
Tutto il viaggio viene ripreso da una videocamera. Qui vengono immagazzinati i momenti più importanti, che verranno montati per la produzione di un docufilm di questa esperienza.
È possibile finanziare il viaggio, dare sostegno e offrire la propria ospitalità a Nicola con una chiamata. Il suo numero è disponibile sul suo blog, aperto appositamente per spiegare il progetto, per fornire aggiornamenti e per ricevere richieste di collaborazione.
(foto tratta da palermotoday.it)


Commenti

Correlato:  Emergenza gatti abbandonati, casi in aumento del 40% a Torino