Home Articoli HP Torino, la Cappella della Sindone riapre entro fine anno: smontati i primi...

Torino, la Cappella della Sindone riapre entro fine anno: smontati i primi ponteggi

2270
SHARE
Torino, la Cappella della Sindone riapre nel 2018: lavori terminati
Torino, la Cappella della Sindone riapre nel 2018: lavori terminati

Torino, la Cappella della Sindone riapre dopo vent’anni: i lavori per il restauro dopo l’incendio del 1997 termineranno entro fine anno

A Torino, la Cappella della Sindone riapre. Una notizia che era già nell’aria e che già avevamo anticipato tempo fa. Una conquista dal valore inestimabile per la città, che sta recuperando uno dei sui pezzi storici più importanti.

I cantieri, che hanno occupato (e in un certo senso rovinato) la parte superiore della Cappella, sono riusciti a restituire il colore originale, utilizzato da Guarino Guarini. Una novità che renderà felicissimi gli appassionati d’arte, curiosi di apprezzare il particolare tipo di avorio. Sparisce dunque il famoso “giallo Torino“, che aveva occupato stabilmente la superficie.

Dunque, Dopo venti lunghi anni, Torino riabbraccia un gioiello. Per tutti gli interventi di restauro, è stato necessario un esborso di oltre 30 milioni di euro. L’opera è stata finanziata per 28 milioni di euro dal Mibact e per 2,7 milioni di euro dalla Compagnia di San Paolo. Altri 150mila euro sono stati versati dalla Consulta per la Valorizzazione dei beni artistici e culturali di Torino.

Un’ulteriore passo in avanti per la Cappella della Sindone è l’ingresso nel circuito dei Musei Reali. La ciliegina sulla torta, poiché è stato reso noto che la Cappella sarà visitabile a breve. I ponteggi saranno smontati gradualmente: le prime parti sono state già tolte.

I dettagli dei lavori e gli obiettivi

A Torino, la Cappella della Sindone riapre con diverse novità. I lavori di restauro hanno donato alla struttura un aspetto molto simile all’originale, sia dall’interno che dall’esterno. Un aspetto non da sottovalutare, che potrà essere confermato da chi ha visitato la Cappella prima dell’incendio e vi entrerà con la fine dei lavori.
All’interno,  tredici delle trenta colonne dell’ordine minore sono state sostituite. Stesso discorso per otto lesene dell’ordine maggiore. Sono state restaurate anche le due colonne, l’arco sghembo di affaccio verso il Duomo e la trabeazione di un vestibolo. Per tutti gli interventi è stato impiegato il marmo nero di Frabosa Soprana.

Il marmo bigio di Frabosa è stato impiegato invece per i livelli superiori. Una grande novità è l’inserimento dei finestroni e della cerchiatura esterna alla base del tamburo. Infine, altre opere murarie sono state realizzate.

La Cappella della Sindone torna dunque a godere dell’antico splendore, dopo venti anni di stallo. L’obiettivo è quello di aprire ufficialmente entro la fine del 2017. Questo perché la città si sta immergendo nell’atmosfera del Natale, e l’obiettivo sarebbe quello di donare un’altra attrazione ai turisti e ai religiosi già in occasione di queste festività.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here