Home Articoli HP Issnaf Award, due ricercatori piemontesi negli USA sono al top nella graduatoria

Issnaf Award, due ricercatori piemontesi negli USA sono al top nella graduatoria

102
SHARE

Due ricercatori piemontesi negli USA premiati agli Issnaf Award: entrano nella top 5 degli studiosi italiani under 40 più importanti degli Stati Uniti

I ricercatori piemontesi negli USA sembrano essere particolarmente apprezzati.
Gli Issnaf Award hanno dimostrato come i talenti della nostra regione godano di una speciale considerazione. Questo perché due talenti locali sono riusciti a entrare nella speciale graduatoria presentata da questo evento. Qui vengono presentati e premiati i cinque migliori ricercatori italiani under 40 che vivono e lavorano negli Stati Uniti.
Parliamo di Marco Ruella e Marco Pavone. Il primo è un torinese di 35 anni, di professione medico e impiegato presso il Center for Cellular Immunotherapies della University of Pennsylvania (Upenn) di Filadelfia da cinque anni. È uno dei membri del team che ha sviluppato la CAR-T, una innovativa terapia in grado di combattere e sconfiggere i tumori grazie alle proprietà del sistema immunitario del paziente.
Marco Pavone è invece un Assistant Professor di aeronautica e astronautica alla Stanford University. Ha 37 anni e ha avuto modo di vivere, crescere e formarsi in tutta Italia. Ha contribuito allo sviluppo di un software che consente ai robot aerospaziali di agire autonomamente. Il loro utilizzo permetterà di sondare luoghi dove gli umani non potranno arrivare per le condizioni presenti.
Dunque, i ricercatori piemontesi negli USA sono protagonisti con ottime innovazioni, che valgono prestigiosi riconoscimenti come quelli appena conseguiti. Accanto ad essi, troviamo altre tre ragazze italiane altrettanto preparate, i cui nomi sono Angela Bononi, Camilla Pacifici e Giulia Sacco. Un doveroso augurio di buon proseguimento va a questi giovani, che hanno deciso di lasciare il proprio Paese per costruirsi un futuro altrove e cercare opportunità che qua non vengono offerte.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here