Home Articoli HP Pedonalizzazione di piazza Carducci, solo gli spiazzi laterali saranno coinvolti

Pedonalizzazione di piazza Carducci, solo gli spiazzi laterali saranno coinvolti

346
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

La pedonalizzazione di piazza Carducci riguarderà solo gli spiazzi laterali: da dicembre via alla sperimentazione.

La pedonalizzazione di piazza Carducci potrebbe iniziare a prendere forma molto presto. Non si parla della piazza nella sua interezza, ma solo di due spiazzi laterali.
Si tratta di un’operazione di svuotamento delle due aree dei posti auto contenuti. Sono ben 35 i parcheggi disponibili per ogni spazio designato. Al posto dei parcheggi dovranno essere realizzati appositi spazi per piccoli eventi e incontri. L’idea sarebbe quella di adibire il tutto a luogo di incontri, per dare più possibilità ai numerosi anziani della zona di avere una piazza più vivibile e a misura di cittadino.
Questo scenario divide i commercianti della piazza. Da una parte si trovano coloro che non amano l’affollamento delle auto davanti alle vetrine dei negozi, e che vedono di buon occhio il provvedimento. Dall’altra si trova la maggior parte dei titolari delle attività, che hanno paura di una diminuzione netta degli incassi. Poiché i negozi non sono in un’area di passaggio pedonale e sono poco visibili, con questa misura risulterebbero ancora difficilmente raggiungibili.
La Circoscrizione 8 avvierà gli esperimenti nel mese di dicembre. Ci saranno due giorni di chiusura al traffico per sperimentare gli effetti della decisione, che sarà poi definitiva entro la metà del 2018.
Dunque, come detto, la pedonalizzazione di piazza Carducci sarà limitata ai due spiazzi laterali.
Non pare essere nemmeno in programma una possibile estensione del provvedimento a tutta la piazza. Si tratta di uno dei punti più battuti dagli automobilisti torinesi, uno dei pilastri della circolazione urbana.
Nulla da temere, quindi, per coloro che pensavano a una piazza Carducci interamente pedonale.


Commenti

Correlato:  Esodo estivo, a Torino boom di partenze: 1 torinese su 3 fuori città
SHARE