Home Ambiente Piemonte, gli incendi hanno causato danni per 15 anni: pronta un’iniziativa natalizia...

Piemonte, gli incendi hanno causato danni per 15 anni: pronta un’iniziativa natalizia per rimediare

4059
SHARE
Piemonte, gli incendi hanno causato danni per 15 anni: pronta un'iniziativa natalizia per rimediare
Piemonte, gli incendi hanno causato danni per 15 anni: pronta un'iniziativa natalizia per rimediare

Piemonte, gli incendi hanno provocato danni per i prossimi 15 anni: una iniziativa natalizia può rappresentare un punto di partenza

In Piemonte, gli incendi hanno causato danni enormi. L’emergenza, che ha tenuto alle corde la nostra Regione per almeno un mese, sembra essere prevalentemente rientrata.
I boschi e le valli delle province di Torino e Cuneo sono stati dati alle fiamme, e gli ettari andati a fuoco sono qualche migliaio. Le stime sui danni sono impietose: serviranno 15 anni per riportare la situazione a come era in precedenza. Un periodo di tempo troppo lungo, che rende ancora di più l’idea di quanto sia stato grave ciò che abbiamo vissuto ultimamente.
Per poter cominciare la grande impresa di piantare tutti gli alberi necessari, è stata lanciata una proposta da attuare già per queste festività natalizie. La Fim-Cisl, infatti, ha deciso di proporre ai piemontesi di evitare di portare alberi veri nelle proprie case, ma di riempire la propria abitazione con un albero artificiale.
Magari fatto in ferro, con rami da addobbare con le decorazioni natalizie. In cambio, gli alberi veri dovranno essere donati e piantati nelle valli distrutte dagli incendi.
Una proposta che sembra aver ottenuto già un buon riscontro, ma che necessita il sostegno delle istituzioni per essere realmente efficace. Su tutte, dovrebbe essere la Regione a intervenire per pubblicizzare e incentivare la partecipazione.
In Piemonte, gli incendi sono stati causati dall’uomo.
Un’ulteriore aggravante, che obbliga i cittadini a riparare a quanto accaduto. Questa iniziativa può rappresentare un ottimo punto di partenza.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here