Home Articoli HP 9 settembre 1974: 43 anni fa iniziavano le riprese di “Profondo Rosso”...

9 settembre 1974: 43 anni fa iniziavano le riprese di “Profondo Rosso” a Torino

230
SHARE

9 settembre 1974: 43 anni anni fa iniziavano le riprese di “Profondo Rosso” a Torino

Il 9 settembre 1974 iniziavano le riprese di “Profondo Rosso” a Torino. Il capolavoro di Dario Argento prendeva vita nel capoluogo piemontese esattamente 43 anni fa.
Il film, originato dal genio di Argento e di Bernardino Zapponi, fu girato tra Torino e Roma in quattro mesi. Le riprese durarono fino al 19 dicembre 1974. Dopodiché, il lancio della pellicola risultò un vero successo. Con un incasso di 2 miliardi e 700 milioni di lire, polverizzò record su record. Fu campione di incassi in Italia e fu il decimo film più visto dell’anno 1975. Il suo titolo richiama il forte peso che il color rosso ha in quasi tutte le scene. In origine, Argento pensava di chiamarlo “La tigre dai denti a sciabola”, per proseguire la tradizione dei titoli dei suoi precedenti lavori. Tutti, infatti, contengono evidenti richiami al mondo animale.
Sono tantissimi i riferimenti di “Profondo Rosso” a Torino. La città della Mole appare in molte occasioni nelle scene di questo lungometraggio. I più celebri sono il Teatro Carignano, la Villa della Regina e la Galleria San Federico. Grande spazio è riservato anche a piazza Cln e a Villa Scott. I luoghi a noi familiari utilizzati per le riprese sono davvero numerosi, tanto che, ancora oggi vengono organizzati itinerari turistici a tema. Appassionati di horror, curiosi, amanti di Torino e turisti stranieri: tutti possono immergersi in tour appositamente programmati.
Nonostante ci si sposti a Roma per gran parte della pellicola, Torino continua a essere ancora presente. Nelle stanze della casa di Helga Ulmann troviamo le opere di Enrico Colombotto Rosso, celebre pittore torinese, specializzato in tele a carattere macabro.
Dunque, Torino è protagonista assoluta di questo capolavoro dell’horror. Un pezzo di storia del nostro cinema, che ogni appassionato dovrebbe apprezzare almeno una volta.
(Foto tratta da Vanity Fair)
Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here