Home Articoli HP #MiTo2017, Torino e Milano tra musica e natura

#MiTo2017, Torino e Milano tra musica e natura

802
SHARE

Dal 3 al 21 settembre ritorna a Torino e Milano il festival MITO SettembreMusica, guidato per il secondo anno da Nicola Campogrande, in qualità di direttore artistico. Il festival unisce nel segno della musica le due più grandi città dell’Italia settentrionale, considerando lo sviluppo della cultura musicale un impegno a favore del bene comune.

Il programma del Festival percorre un arco temporale di oltre mille anni di musica, tra compositori viventi, il canto ambrosiano, Vivaldi, il Classicismo, il Romanticismo e il Novecento.

In calendario 140 concerti dei quali 69 ad ingresso gratuito, tutti con programmi appositamente ideati da alcuni dei più importanti musicisti del panorama internazionale.

Particolarmente apprezzate lo scorso anno, sono confermate le introduzioni all’ascolto a Torino per offrire al pubblico il piacere di una comprensione più profonda delle esperienze d’ascolto proposte, spesso inedite e comunque sempre originali.

La serata d’apertura del festival, il 4 settembre al Teatro Regio di Torino, è affidata alla Gustav Mahler Jugendorchester Il concerto introduce al tema del festival proponendo quattro differenti modalità musicali di relazionarsi alla Natura. In programma, la prima esecuzione italiana di This Midnight Hour, di Anna Clyne (compositrice  in residenza alla Chicago Symphony Orchestra dal 2010 al 2015), oltre al Concerto per pianoforte di Gershwin, all’Ouverture Nel regno della natura, di Dvořák, e alla Suite da Daphnis et Chloé di Ravel.

Come nel 2016, quando furono oltre venticinquemila i cittadini raccolti nei due cori formatisi in piazza del Duomo e in piazza San Carlo, anche quest’anno gli stessi spazi simbolici delle due città del festival si trasformeranno, il 9 settembre a Torino e il 10 a Milano, in un gigantesco palcoscenico per MITO Open Singing: un evento durante il quale tutti potranno cantare unendosi al Coro Giovanile Italiano e a mille coristi radunatisi in piazza, per intonare i brani in programma, sotto la guida del direttore Michael Gohl; specializzato nella pratica dell’open singing.

Mito Open Singing_piazza San Carlo Foto di Gianluca Platania

Puntando nuovamente su questo straordinario momento di condivisione, la programmazione di MITO 2017 rilancia, incrociando negli stessi luoghi un momento di ascolto collettivo della Nona Sinfonia di Beethoven, eseguita dall’Orchestra Giovanile Italiana, il Coro Maghini e i solisti dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino diretti da Daniele Rustioni.

Nei fine settimana si concentra la programmazione per i bambini con spettacoli e concerti pensati per loro, come Orfeo (in coproduzione con il Festival della Letteratura di Mantova) per raccontare ai più piccoli il capolavoro di Monteverdi nel 450° anniversario della nascita del compositore (16 e 17 settembre).

Prevista anche la prima esecuzione assoluta de Il canto della fabbrica, di Francesco Fiore, composto su invito della Fondazione Pirelli per il violino di Salvatore Accardo e l’Orchestra da Camera Italiana, dopo la visita del compositore e dei musicisti al Polo Industriale di Settimo Torinese (sede dell’evento), dove Renzo Piano ha progettato una struttura trasparente, denominata “Spina”, in stretto rapporto con l’ambiente e i ciliegi che la circondano.

Oltre ai brani di autori viventi inseriti tra pagine di repertorio – una delle impronte caratteristiche di MITO Settembre Musica – il Festival accoglie quest’anno anche la prima esibizione italiana degli Eighth Blackbird, sestetto proveniente da Chicago, considerato la formazione di punta della nuova musica statunitense.

Il Festival si chiuderà a Torino il 21 settembre, ancora al Teatro Regio, con il concerto di cui sarà protagonista la Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Chailly.

Riccardo Chailly Foto di Silvia Lelli

Fra i pochi appuntamenti che avranno luogo in un solo capoluogo, anche per la loro radicata peculiarità, il Torinodanza Festival e, sempre a Torino, un convegno dedicato alle relazioni tra musica e acqua.

I prezzi dei biglietti per i concerti a pagamento sono gli stessi sia a Torino, sia a Milano, e restano contenuti. I concerti diffusi nel territorio metropolitano sono gratuiti. La biglietteria per gli eventi in programma a Torino è aperta in via San Francesco da Paola, 6.

 

Commenti

SHARE
Previous articleTorino, le barriere anti-terrorismo si trasformeranno in opere artistiche
Next articleTreepedia, Torino è la 13°città più verde al mondo, la prima d’Italia
Laureato in Scienze della comunicazione con un Master in Informazione, New Media e comunicazione plurimediale, conseguito nel 2012. Giornalista pubblicista, grande appassionato di teatro, inizia a frequentarlo come spettatore, e dal 2003 in qualità di operatore dell’informazione e critico teatrale, collaborando con numerose testate e webzine di settore, specializzandosi soprattutto nel teatro musicale. Giornalista pubblicista, è inoltre membro dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro e fa parte della giuria di PrIMO, il Premio italiano per il musical originale, ideato da Franco Travaglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here