Home Articoli HP Torino, il numero delle auto immatricolate tocca cifre da record a luglio

Torino, il numero delle auto immatricolate tocca cifre da record a luglio

525
SHARE
Torino, il numero delle auto immatricolate tocca cifre da record a luglio
Torino, il numero delle auto immatricolate tocca cifre da record a luglio

Torino, il numero delle auto immatricolate tocca cifre da record a luglio: oltre 14mila vetture, primato a livello nazionale

A Torino, il numero delle auto immatricolate nell’ultimo mese fa registrare un record.
I dati di Unrae (l’Unione delle case estere operanti in Italia) ha reso noto che il capoluogo piemontese ha oltrepassato le 14mila immatricolazioni. Un numero decisamente alto, se si pensa che va a costituire il 10% delle auto vendute in Italia a luglio (oltre 145mila).
I dati mostrano anche che i torinesi che hanno acquistato di più sono quelli residenti in provincia.
La nostra città ha fatto ancora meglio di Bolzano, da sempre saldamente al vertice, che ha avuto poco più di 7mila immatricolazioni.
Bene anche Roma e Milano, che hanno superato rispettivamente le 10mila e le 8mila immatricolazioni.
Torino fa da traino anche per tutto il Nord Ovest, anche se la crescita riguarda anche altre realtà come Cuneo, Genova e Aosta.

Il Piemonte fa registrare una crescita a doppia cifra: oltre a Torino, il numero delle auto immatricolate aumenta anche nelle altre province

Oltre a Torino, il numero delle auto immatricolate risulta essere in netta crescita anche in tutto il Piemonte.
I dati mostrano infatti che, nel corso del 2016, la nostra Regione ha visto immatricolare oltre 178mila vetture.
Un risultato impressionante, che però può essere ulteriormente migliorato del 2017. Quest’anno, infatti, nei primi sette mesi, sono state immatricolate oltre 145mila auto. Ciò significa che l’aumento rispetto allo scorso anno è di circa il 35%. Un balzo che ha portato il Piemonte a essere la Regione italiana che ha avuto il tasso di crescita più in rialzo a livello italiano. Un piccolo segnale che denota la volontà dei piemontesi di tornare a spendere.
Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here