Home Articoli HP G. R. Gel, a Piobesi, la fabbrica che produce ghiaccioli per tutto...

G. R. Gel, a Piobesi, la fabbrica che produce ghiaccioli per tutto il Nord Italia

1494
SHARE
G. R. Gel, a Piobesi, la fabbrica che produce ghiaccioli per tutto il Nord Italia
G. R. Gel, a Piobesi, la fabbrica che produce ghiaccioli per tutto il Nord Italia

In provincia di Torino, la G. R. Gel, a Piobesi, è l’ultima fabbrica di ghiaccioli del torinese e li produce per tutto il Nord Italia

A pochi chilometri da Torino, la G. R. Gel, a Piobesi, è conosciuta come il “regno del ghiacciolo”.
Si tratta dell’ultima fabbrica della provincia di Torino che produce ghiaccioli. La particolarità? Il fatto che li produce per tutto il Nord Italia
L’azienda vanta una mini catena di montaggio di 10 metri che prepara 9mila pezzi all’ora. In un quarto d’ora, l’impianto, trasforma lo sciroppo ( fatto di acqua, zucchero, aromi, colorante e fruttosio) in centinaia di stick.
I gusti sono quelli della tradizione: limone, menta, arancia e fragola, con alcune varianti particolari all’anice, cedro, coca cola e frutti tropicali.
La “macchina dei ghiaccioli” lavora ininterrottamente da febbraio a settembre.
Il titolare della G. R. Gel è Giorgio Re, il “re del ghiacciolo”. 
Nel registro delle imprese, la fabbrica della famiglia Re non può definirsi artigianale perché utilizza una macchina. Nonostante ciò, l’attenzione e la cura è quella dei vecchi gelatai. Proprio come il padre del titolare, Giacomo Re, che acquistò i primi macchinari che producevano stick e aprì la fabbrica nel 1957. 
L’impresa è a conduzione familiare. Edoardo, il figlio del titolare, impila gli scatoloni. La figlia Monica si occupa della prima fase di lavorazione, la riempitura. Qui, un dosatore spruzzato sciroppo negli stampini in acciaio inox, che vengono subito immersi in una vasca di salamoia con acqua e cloruro di sodio a – 25 gradi. 
Il processo di congelamento del ghiacciolo parte dai bordi per permettere l’inserimento del bastoncino di legno. Tutto il procedimento avviene in modo meccanizzato. Sullo scivolo, dieci stick alla volta corrono verso il confezionamento. Le bustine che avvolgono i ghiaccioli sono, in principio, bobine di polipropilene. Si tratta di fogli termosaldati da tre ganasce intorno allo stick. 
La fabbrica lavora anche per grandi aziende. 
Come spiega il titolare, il boom dei ghiaccioli è stato negli anni Settanta. Negli ultimi anni la produzione è stabile, ma rispetto agli anni Ottanta si è ridotta del 50%. 
Certo è che con la calura di questi giorni, un buon ghiacciolo è proprio quello che ci vuole. 
Insomma, la G. R. Gel, a Piobesi, è una realtà di successo nel settore, un orgoglio della provincia di Torino
Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here