Home Articoli HP Turismo: in estate Torino è la città d’arte che cresce di più...

Turismo: in estate Torino è la città d’arte che cresce di più in Italia

1208
SHARE
Turismo: in estate Torino è la città d'arte che cresce di più in Italia
Turismo: in estate Torino è la città d'arte che cresce di più in Italia

Dal rapporto Enit risulta che Torino è la città d’arte che cresce di più in Italia. I dati positivi del 2016 sono riconfermati dalle stime per il 2017 e il trend è ancora in corso

Sorprendente risultato per il capoluogo piemontese: Torino è la città d’arte che cresce di più in Italia.
Dal rapporto Enit, Ente Nazionale del Turismo, emerge che la città sabauda registra il maggior incremento di visitatori del Paese. I dati del 2016 sono molto positivi e anche per il 2017 le stime sono rosee.
L’Enit, struttura rilanciata nel 2014 e affidata alla guida di Evelina Christillin, ha il compito di curare e coordinare la promozione turistica dell’Italia. Enit e Travel Appeal, piattaforma che analizza in tempo reale recensioni, conversazioni sui social media, prezzi e tendenze di mercato, hanno analizzato i dati che emergono dalle scelte degli utenti che organizzano le proprie vacanze online. Da questi dati si evince che Torino potrebbe avere il maggior incremento di visitatori. Infatti, rispetto all’estate 2016, quest’anno i contatti, le prenotazioni e le recensioni sono aumentate del 22%.
Le indagini che riguardano Torino sui motori di ricerca segnano un incremento del 24% nel 2017. Il merito di questi risultati è dei turisti stranieri, non sempre provenienti da nazioni europee. Infatti, la classifica del numero di turisti stranieri a Torino vede al primo posto la Russia, con il 46,2% di ricerche, recensioni e prenotazioni. Seguono l’Argentina con il 28,2% e la Svizzera con il 23,8%.
Nel 2016, l’Osservatorio turistico della Regione Piemonte ha registrato 4,8 milioni di arrivi e 14 milioni di presenze con un incremento sul 2015, rispettivamente, del 2,7% e del 2,4%. Il 62% dei turisti proveniva dall’Italia. Risultati importanti anche per la Provincia di Torino, che ha registrato 2,3 milioni di arrivi, con un aumento del 2,6% rispetto all’anno precedente, e 6,8 milioni di presenze, con un incremento del 2,1%. Anche in questo caso la maggior parte dei turisti erano italiani con il 76% degli arrivi e il 73% delle presenze.
Le previsioni per il 2017 sono buone, ma non tutti la pensano così. L’Ascom, l’associazione dei commercianti, ha registrato, nel secondo semestre 2017, un calo del clima di fiducia di albergatori, ristoratori e delle imprese che vivono di turismo. È la prima volta, dal 2007, che accade. I dati sono il frutto di un’indagine compiuta nei primi giorni di luglio su un campione di 800 aziende.
Il campanello d’allarme arriva anche da Airbnb, piattaforma grazie alla quale gli utenti possono mettere a disposizione dei turisti la propria casa. Nei giorni scorsi gli oltre 3000 host, utenti Airbnb, hanno ricevuto una mail che li avvertiva di un deciso calo di prenotazioni, circa l’8%, consigliando di abbassare i prezzi.
Torino è al quinto posto nella classifica della spesa degli stranieri con 770 milioni spesi e un incremento del 18,7% rispetto al 2015.
Inoltre, la città si è alleata con il territorio cuneese per garantire nuovi itinerari ai turisti. E non solo. È stato siglato anche un accordo con Costa Crociere per portare il  turisti che fanno scalo a Savona
Insomma, i dati sono contrastanti, ma intanto Torino è la città d’arte che cresce di più in Italia.
Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here