Home Articoli HP Emergenza acqua: a breve la chiusura dei Toret?

Emergenza acqua: a breve la chiusura dei Toret?

1050
SHARE
Emergenza acqua: a breve la chiusura dei Toret?
Emergenza acqua: a breve la chiusura dei Toret?

Torino, la chiusura dei toret potrebbe essere richiesta dalla Regione Piemonte: si cerca di razionalizzare le risorse per le altre province colpite dal caldo e dalla siccità

A Torino, la chiusura dei toret potrebbe essere richiesta dalla Regione Piemonte in breve tempo. È questa la notizia che sta circolando in queste ultime ore. L’ipotesi riguarderebbe l’obbligo di affrontare il caldo e la siccità attraverso la razionalizzazione delle risorse. Si pensa infatti alle conseguenze del meteo di giugno e luglio, che ha portato solo temperature superiori alla media e scarsissime piogge. Il risultato è una regione che non ha i problemi del sud Italia, ma che comunque vive nella difficoltà e nella necessità di adeguarsi al mese di agosto, che sarà ancora più caldo di giugno e luglio, ma che dovrebbe portare anche più risorse idriche con piogge e precipitazioni.
La chiusura delle fontane dovrebbe avvantaggiare le province del Piemonte agricolo. Sono infatti Cuneo, Asti e Alessandria le città che maggiormente stanno accusando dei problemi per quanto riguarda le coltivazioni e le attività di questo settore. Basti pensare che sono aumentati i costi di produzione per tutte le aziende e le richieste di gasolio agricolo.
La questione toret non dovrebbe riguardare tutte le fontane nello stesso momento. Si pensa infatti a un blocco temporaneo e a rotazione dei punti di distribuzione dell’acqua. Smat, tramite i suoi vertici, ha già fatto capire di non temere la situazione.
A Torino, la chiusura dei toret rappresenta un’ipotesi lontana, ma comunque non impossibile. Uno scenario che spaventa non poco i torinesi, che vedono da sempre nelle caratteristiche fontane con la testa del toro un punto di riferimento per una rinfrescata e per bere nelle giornate afose, mentre ci si trova a passeggio. Per ora si parla solo di una possibilità. Il da farsi si stabilirà a partire dal prossimo mese.

Commenti

Correlato:  Il Parlamento Subalpino è aperto al pubblico per una settimana

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here