Home Articoli HP I prezzi delle case sono scesi, i torinesi tornano ad acquistare

I prezzi delle case sono scesi, i torinesi tornano ad acquistare

2560
SHARE
I prezzi delle cae sono scesi, i torinesi tornano ad acquistare
I prezzi delle cae sono scesi, i torinesi tornano ad acquistare

A Torino nel 2016 il numero delle compravendite è cresciuto più che in ogni altra grande città italiana.

Lo rivela l’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con Abi, associazione nazionale banche.

L’incremento percentuale medio delle compravendite nelle 8 metropoli italiane è stato del 17,4% rispetto al 2015. Primeggia Torino con il 26,4% di compravendite in più rispetto all’anno precedente.

Seconda dopo Torino è Genova con una crescita delle compravendite del 22,9%, a seguire Milano con il 21,9%, ultima Roma con il 10,6%.

Mi viene da pensare che questa classifica vada letta al contrario.

Sembrerebbe una classifica della “sofferenza economica” delle grandi città italiane. Quelle con un maggior incremento di compravendite, sono forse quelle che hanno subito un maggior stallo del mercato immobiliare?

Torino in particolare, in periodo di ristrettezze, è stata forse la più prudente negli investimenti immobiliari.

I prezzi delle cae sono scesi, i torinesi tornano ad acquistare
I prezzi delle cae sono scesi, i torinesi tornano ad acquistare

Il calo dei prezzi medi in Italia continua, ma ad una velocità rallentata.

A Torino anche il Centro ha subito il ribasso: via Roma, via Garibaldi, piazza Castello hanno perso intorno al 5% nelle quotazioni al mq rispetto al 2015. L’unica zona centrale che tende a mantenere il valore è quella di via della Rocca/piazza Vittorio: il ribasso è dell’ 1,9%.

Gli immobili perdono valore anche nelle aree limitrofe al Centro.

In corso Stati Uniti il calo è del 5,2%. In collina il calo dei prezzi varia tra il 3,1 e il 4 per cento. La zona dei Docks Dora è in controtendenza: le case continuano a valere 1.930 euro al metro, come nel 2015. Anche Pozzo Strada mantiene i suoi 1.967 euro al metro.

Delle case vendute, quasi la metà sono state acquistate con un mutuo ipotecario. Il valore medio dei mutui erogati è vicino ai 120.000 euro.

Ciò che davvero è cresciuto nel mercato immobiliare degli ultimi anni pare sia la figura dell’agente immobiliare. Si attesta che i professionisti in Italia siano passati da 22mila a 50mila, nonostante il forte calo delle compravendite. Questo dato può essere letto come segno della forte crisi lavorativa che stiamo vivendo.

Tutto ruota intorno alla casa, dunque. Immobiliare.it ha svolto un sondaggio su un campione di 10.000 utenti. La domanda era “su cosa investiresti per lasciare qualcosa ai tuoi figli?”. La risposta del 51,7% degli intervistati è stata “la casa”.

A cura di Laura Polesinanti

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here