Home Ambiente Po, torna Millefoglio e l’acqua del fiume è di nuovo verde

Po, torna Millefoglio e l’acqua del fiume è di nuovo verde

900
SHARE
Po, torna Millefoglio e l'acqua del fiume è di nuovo verde
Po, torna Millefoglio e l'acqua del fiume è di nuovo verde

Dopo un anno dalla sua prima apparizione, la pianta tropicale Myriophillum acquaticum, comunemente nota come Millefoglio, torna ad invadere le acque del fiume Po

L’incubo Millefoglio è tornato. 
Negli ultimi giorni l’acqua del fiume Po si presenta nuovamente di colore verde.
Si pensava che l’emergenza provocato da questa pianta tropicale fosse finita con la massiccia invasione delle acque del fiume dello scorso anno. 
E invece, dopo un sopralluogo lungo le sponde del Po, nella zona dei Murazzi, i tecnici dell’Arpa Piemonte hanno confermato il ritrovamento di alcuni esemplari della pianta esotica di origine sudamericana. 
Il Myriophillum acquaticum è stato avvistato lungo la sponda sinistra del Po, ai Murazzi, nel tratto compreso tra l’ex imbarco Gtt e il ponte Umberto I
Diciamo che la presenza di vegetazione acquatica nel Po è sinonimo di qualità delle acque, ma bisogna distinguere le differenti varietà di piante che popolano il fiume. Infatti, il problema non sono le comuni alghe né tantomeno le piante tipiche dei fiumi di pianura, ma bensì il Millefoglio. La pianta tropicale non è solo invasiva, ma è pericolosa per le specie autoctone animali e vegetali che risiedono nel Po. Le cause del ritorno del Myriophillum acquaticum sono il caldo eccessivo, la siccità e la corrente rallentata.
Le stesse cause che hanno scatenato il problema la scorsa estate torinese, provocando non poche polemiche. La pianta, infatti, rimase a vegetare nelle acque del fiume da luglio a ottobre. 
Anche l’intervento di alcuni volontari per estirpare il Millefoglio non portò a grandi risultati. 
Molto probabilmente la pianta tropicale è arrivata nelle acque del fiume Po per mano di un acquariofilo. Il team di tecnici composti da Città di Torino, Città Metropolitana, Regione Piemonte, Università di Torino, Ipla, Enea e Arpa Piemonte hanno più volte provato a trovare una soluzione per risolvere questa situazione. 
Insomma, anche quest’anno il Comune si ritrova ad affrontare la questione per combattere il Millefoglio e ripulire il fiume Po
(credit foto: La Stampa)
Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here