Home Articoli HP Torino, dal 2018 i Murazzi riaprono con i “distretti della movida”

Torino, dal 2018 i Murazzi riaprono con i “distretti della movida”

2752
SHARE
Torino, dal 2018 i Murazzi riaprono con i
Torino, dal 2018 i Murazzi riaprono con i "distretti della movida"

L’amministrazione a Cinque Stelle mira a delocalizzare la movida torinese e per questo, dall’estate 2018, i Murazzi riaprono con i “distretti della movida”

Dopo l’ennesima estate di silenzio, arriva la notizia tanto attesa dal popolo della notte di Torino: dall’estate del 2018 i Murazzi riaprono con i” distretti della movida”.
Dopo anni di esposti, scandali, proteste e processi, i Murazzi torneranno ad essere uno dei “luoghi di culto” della movida torinese.
L’annuncio è arrivato dall’assessore al Commercio Alberto Sacco nel corso dell’incontro con i titolari dei locali notturni di San Salvario. Tema principale dell’incontro è stato la creazione di distretti enogastronomici nel quartiere vicino alla stazione ferroviaria.
L’assessore della Giunta, guidata dalla sindaca Chiara Appendino, ha sottolineato che la volontà dell’amministrazione pentastellata era quella di riaprire i Murazzi.
L’idea è quella di creare dei distretti della movida dai Murazzi fino alla riapertura dei capannoni delle ex aree industriali. L’obiettivo dell’amministrazione a Cinque Stelle mira a delocalizzare la movida torinese decongestionando i quartieri di San Salvario e Vanchiglia, diventati ormai il centro della vita notturna torinese.
Il progetto interesserà l’area vicino al PoSan Salvario e Vanchiglia, ma non solo. Infatti, la proposta prevede di animare anche l’Open Incet in Barriera di Milano, come è già accaduto in occasione del Salone del Libro.
Il progetto, dedicato principalmente ai Murazzi, arriva dopo il mancato allestimento della spiaggia estiva e lo slittamento della riapertura dei locali, su cui molti imprenditori avevano speso cifre importanti.
Dunque, dalla prossima estate i Murazzi riaprono con i “distretti della movida”, che dovrebbero far tornare gli stessi al loro antico splendore, allontanando così lo stato di abbandono che sta investendo uno dei punti più frequentati della movida torinese.

Commenti

Correlato:  Torino, si allungano i tempi per il prolungamento della metro tra Lingotto e piazza Bengasi: bisogna aspettare il 2019

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here