Home Articoli HP Torino, la nuova campagna promossa da Amiat e Comune contro chi non...

Torino, la nuova campagna promossa da Amiat e Comune contro chi non raccoglie i “bisogni” dei propri cani

625
SHARE
Torino, la nuova campagna promossa da Amiat e Comune contro chi non raccoglie i
Torino, la nuova campagna promossa da Amiat e Comune contro chi non raccoglie i "bisogni" dei propri cani

Da inizio luglio partirà la campagna promossa da Amiat e Comune di Torino contro chi non raccoglie i “bisogni” dei propri cani

Agli inizi di luglio partirà la campagna promossa da Amiat e Comune di Torino contro chi non raccoglie i “bisogni” dei propri cani
Come già annunciato nella conferenza stampa dello scorso dicembre, la sindaca Chiara Appendino torna all’attacco di quegli incivili colpevoli di non raccogliere le deiezioni degli animali domestici. 
Multe e controlli sarebbero dovuti partire all’inizio del 2017, ma la campagna sostenuta dall’Amiat e dal Comune inizierà nei primi giorni di luglio. ù
Lo slogan scelto per la campagna è:”Raccoglierla non sarà un piacere, ma pestarla è molto peggio!”. L’immagine che accompagna la frase nella locandina è un fumetto divertente che raffigura il padrone intento a “cacciare” via il proprio cane che ha appena lasciato un “ricordino”. La locandina vuole evidenziare che l’animale non è mai colpevole del fatto, anzi, la colpa sta nella negligenza del padrone.  
Purtroppo non c’è una legge a livello nazionale relativa all’abbandono delle deiezioni canine. Perciò ci si deve affidare al Regolamento di polizia Urbana che prevede per i trasgressori sanzioni che vanno da 25 a 500€.
La campagna verrà sponsorizzata sui diversi media al fine di raggiungere più cittadini possibile, in particolare i padroni di cani.
La cittadinanza verrà informata con l’aiuto di locandine e card che non solo verranno pubblicate ed esposte, ma anche distribuite gratuitamente presso più di vento negozi di articoli per animali e nelle Circoscrizioni, nelle biblioteche civile e negli altri punti informativi della città.
Dunque, da luglio, sarà meglio che chi non raccoglie i ‘bisogni” dei propri cani inizi a rispettare le regole di educazione civica. 
(Foto Corrieretricolore.it)

Commenti

Correlato:  Cosa fare a Torino nel weekend (6-7 maggio 2017)?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here