Home Articoli HP A Torino si sostiene la ricerca contro il cancro con la frutta

A Torino si sostiene la ricerca contro il cancro con la frutta

17
SHARE

Anche quest’anno la città di Torino sarà protagonista dell’iniziativa “Metti a frutto la ricerca”, un evento sociale patrocinato da CIA (Confederazione italiana agricoltori) e dalla fondazione per la ricerca sul cancro ONLUS, per sostenere l’istituto di Candiolo (IRCCS) scegliendo di acquistare la frutta direttamente dalla fiera agroalimentare che verrà allestita in diverse piazze della città.

L’ambizioso progetto avrà luogo Sabato 10 e Domenica 11 Giugno nelle principali piazze torinesi e in occasione del salone dell’Auto, sito al Parco del Valentino.

La nostra città si tingerà di mille colori e dei sapori del nostro orto; si avrà la possibilità di gustare, con una piccola donazione libera, ottime pesche, albicocche, ciliege, in cestini da un chilo.

Sarà il volto della showgirl torinese Cristina Chiabotto a illuminare la campagna e ad accompagnare lo slogan composto da un gioco di parole evidente. “Metti a frutto la ricerca” invita il pubblico a riflettere, ed è mirato a sensibilizzare l’opinione generale non solo sullo studio della scienza contro i tumori, ma anche su quanto sia fondamentale una rieducazione alimentare ai fini della prevenzione della malattia.

Perchè associare un genere alimentare come la frutta alla costante lotta contro la malattia del nostro secolo?

Sappiamo da sempre che i vegetali nutrono la maggioranza degli esseri viventi presenti sul pianeta, così come frutta e verdura, pur incidendo in maniera marginale sul fabbisogno energetico, apportano nutrienti fondamentali e sostanze essenziali per la sopravvivenza.

A Torino si sostiene la ricerca contro il cancro con la frutta
A Torino si sostiene la ricerca contro il cancro con la frutta

Purtroppo, però, noi abitanti dei Paesi industrializzati stiamo assistendo ad un consumo ancora insufficiente di frutta e verdura, comportando gravi conseguenze al nostro corpo e alla nostra salute.

Eppure è appurato da evidenze scientifiche che consumare due porzioni di verdura e tre di frutta al giorno riducano drasticamente il rischio di contrarre tumori all’apparato digerente. Ma c’è di più.

Alcune ricerche dimostrano infatti che la mela, oltre a togliere il medico di torno, toglierebbe anche l’oncologo! Si stima che il frutto possa prevenire diversi tipi di cancro, tra cui quello del cavo orale, del polmone, del colon e anche quello al seno. Tutto questo sarebbe possibile grazie alla quercetina, una sostanza in grado di proteggere i danni al DNA delle cellule. (Per saperne di più visitate il sito www.lafucina.it).

Ma non solo, anche i mirtilli inibiscono la crescita di certi tipi di cancro, e le verdure, zucchine, barbabietole, carote, patate dolci.

Vi sembrano miracoli? Si tratta unicamente di adottare una corretta alimentazione, in quanto è risaputo che ancora oggi circa il 30% dei tumori più sensibili ha origine da un’alimentazione sbagliata. L’azione del cibo sul rischio del cancro è molto estesa: influisce sullo stato d’infiammazione e sullo sviluppo ormonale, che favorisce e ostacola lo sviluppo di tumori della prostata per gli uomini, del seno, ovaio, utero, endometro per le donne.

Ancora non siete convinti?

Venite a mettere a frutto la vostra salute!

Troverete uno stand disponibile dalle ore 10 alle 17 all‘istituto di Candiolo IRCCS di Torino ( Strada Provinciale, To), il Giovedì 8, Venerdì 9, Lunedì 12, Martedì 13 e Mercoledì 14.

Sabato 10 saranno aperti gli stand al –Parco del Valentino, ingresso Ascani, (corso Massimo d’Azeglio angolo corso Marconi) dalle ore 10 alle ore 24.

-Sempre al Parco Valentino, ingresso Viale Virgilio angolo Diego Balsamo Crivelli, dalle ore 10 alle 24.

In Piazza Vittorio Veneto angolo via Po saranno aperti dalle ore 9 alle 18;

-in Piazza San Carlo sempre dalle ore 9 alle 18;

-Presso il Parco Dora dalle ore 16 alle 24.

Domenica 11 dalle ore 9 alle 19 troverete aperto lo stand in Piazza Palazzo della Città, mercato “la spesa in campagna”.

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here