Home Articoli HP Grattacielo Regione Piemonte: ripartono i lavori!

Grattacielo Regione Piemonte: ripartono i lavori!

2140
SHARE
Grattacielo Regione Piemonte: ripartono i lavori!
Grattacielo Regione Piemonte: ripartono i lavori!

L’accordo tra Cmb e Regione c’è: il cantiere del Grattacielo Regione Piemonte riprenderà a funzionare in questi giorni.

L’odissea del Grattacielo Regione Piemonte forse sta per terminare. Tra 14 mesi circa il grattacielo di Fuksas dovrebbe essere inaugurato, dopo aver speso la modica cifra di 23 milioni di euro. Uno stop di 2 anni.

Regione Piemonte e Cmb (Cooperativa muratori e braccianti) hanno trovato un accordo, dopo il fallimento della società che si era aggiudicata l’appalto nel 2011, la Coopsette.

La giunta Chiamparino avrebbe preferito che i lavori si concludessero in 7 mesi, ma purtroppo così non è stato: 14 mesi è il termine massimo. In questi giorni ci sarà la firma dell’accordo e poi i lavori riprenderanno.

Siamo pronti a vedere lo skyline torinese cambiare? 210 m non sono pochi, spunterà addirittura da Piazza Vittorio Veneto. Sarà l’edificio più alto della città e il secondo più alto di Italia dopo quello dell’Unicredit di Milano.

Il grattacielo della Regione è infatti parte di un’ampia trasformazione di Torino Sud, un progetto che interessa più di 300.000 mq di territorio comunale compresi fra via Passobuole, via Nizza e la ferrovia. Il progetto prevede residenze, attività terziarie e la torre che si aggiungono all’Oval, grande spazio espositivo costruito per le Olimpadi del 2006, creando un nuovo quartiere predisposto per 2.300 nuovi abitanti. L’intero ultimo piano del grattacielo, il quarantaduesimo, ospiterà un grande bosco pensile. Alla base della torre verrà realizzato un grande Auditorium e un Service Center per la cittadinanza, insieme ad una grande piazza e a edificio-ponte che collegherà la torre con la stazione ferroviaria Lingotto. Per leggere l’intero articoli riguardante la costruzione cliccare qui.

Stima? Fine 2018.

Ce lo auguriamo tutti.

Carmen Terrazzino

(credit foto: Ingegneri.info)

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here