Home Articoli HP Giulia di Barolo, l’aristocratica amica dei poveri

Giulia di Barolo, l’aristocratica amica dei poveri

105
SHARE
Giulia di Barolo, l'aristocratica che guardò ai poveri [Fonte: Wikipedia]
Giulia di Barolo, l'aristocratica che guardò ai poveri [Fonte: Wikipedia]

Giulia di Barolo, nata Juliette Colbert in vandea, nel 1800 a Torino fece la differenza.

La sposa di Tancredi Falletti di Barolo rese il capoluogo piemontese un posto migliore. Fin dal suo trasferimento nel 1914 a Palazzo Barolo, la Colbert cominciò a prodigarsi per i meno abbienti. Di giorno serviva la zuppa calda, di sera disquisiva con Cavour o Alfieri.

“Una voce cara e indulgente mi incita! La voce di Gesù”

Ad apprezzare l’aiuto psicologico e materiale non furono solo sfaccendati, bensì anche persone di spicco. Tra tutti Silvio Pellico dopo la detenzione nella Fortezza dello Spielberg. Prostitute e prigioniere, donne analfabete alle quali Giulia di Barolo a Torino prima porta da mangiare, da vestire, da lavarsi. In seguito insegna loro a leggere, a scrivere, a pregare.

“Bisogna farsi amare da esse, provando loro che le amiamo. Solo così capiranno che Dio le ama.”, Una frase che racchiude il concetto di amore agape cristiano che la  Barolo porterà avanti fino alla morte. Momento che arriverà si, ma solo dopo aver fondato scuole professionali, asili, ospedali, istituti religiosi, e sul testamento l’Opera Pia Barolo.

I movimenti finanziari sono stati quantificati per circa dodici milioni di lire, che all’epoca equivalevano al pil di una nazione. La fortuna ereditata da Tancredi di Barolo e poi passata in mano alla Colbert è la stessa che diede il via alla produzione del famoso vino Barolo delle Langhe. L’aggettivo di “eclettica” per la francese naturalizzata piemontese è quindi quasi un eufemismo.

Alla sua morte, 1864, il corpo venne fatto riposare nella chiesa di Santa Giulia, a Torino, struttura eretta per suo volere. Nel 1991 inizia l’opera di beatificazione che vedrà Giulia di Barolo nominata nel frattempo Serva di Dio.

Correlato:  That's a Mole: ritorna il concorso che più sabaudo non si può

Ammirata per la sua intelligenza, corteggiata per la sua bellezza, ricordata per la sua carità.

Sabato 20 giugno partecipate al tour promosso da Mole24, “Dietro una grande città c’è sempre una grande donna”: un’occasione per scoprire i tanti personaggi femminili che hanno reso importante la nostra città.

Per avere ulteriori informazioni cliccate qui

@Damiano Grilli

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here