Home Arte Palazzina di Caccia di Stupinigi, l’appartamento del Re riapre

Palazzina di Caccia di Stupinigi, l’appartamento del Re riapre

152
SHARE
Palazzina di Caccia di Stupinigi, l'appartamento del Re riapre
Palazzina di Caccia di Stupinigi, l'appartamento del Re riapre

Palazzina di Caccia di Stupinigi, l’appartamento del Re è stato riaperto di 13 anni di lavori e restauri

Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi, l’appartamento del Re è stato ufficialmente riaperto. La residenza sabauda, utilizzata solo per brevi soggiorni e momenti di svago, recupera uno dei suoi pezzi fondamentali.

Dopo 13 lunghissimi anni di lavori e restauri, l’appartamento del Re viene di nuovo messo a disposizione dei visitatori e degli appassionati. Una grande conquista, che segna un altro passo della rinascita della Palazzina. Quest’ultima, infatti, è stata inserita tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Un riconoscimento che obbliga la città a valorizzare quello che, potenzialmente, potrebbe diventare uno dei punti di riferimento del nostro turismo locale. Una ghiotta occasione che Regione e Città Metropolitana non vogliono lasciarsi sfuggire, data l’espansione rapida del turismo torinese.

La Palazzina può infatti seguire il percorso della Reggia di Venaria Reale e replicarne i favolosi risultati.

La soddisfazione della Fondazione Crt

Per la Palazzina di Caccia di Stupinigi, l’appartamento del Re rappresenta una delle punte di diamante.

Uno splendore rimesso a nuovo grazie agli investimenti della Fondazione Crt. Quest’ultima, infatti, si è impegnata nei restauri con investimenti davvero imponenti. Si parla di ben 20 milioni di euro, stanziati per svolgere tutto il necessario.

Gli stessi vertici della Fondazione Crt hanno espresso soddisfazione per quanto accaduto.

L’obiettivo è quello di aggiungere altre bellezze al circuito delle residenze sabaude da visitare. Un’opportunità in più per i turisti, ma anche un aumento di prestigio per la città, che potrà attirare sempre più persone e offrire nuove attrazioni.

I lavori sono ancora in corso in altre parti della Palazzina. Ancora un po’ di tempo sarà necessario affinché tutto venga riaperto al pubblico. Nel frattempo, tutto procede secondo le tempistiche previste. Dunque, a breve, potremo avere l’occasione di apprezzare questo gioiello settecentesco.

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here