Home Articoli HP Borgo Po, lo studio di Ezio Gribaudo secondo la House Hunter di...

Borgo Po, lo studio di Ezio Gribaudo secondo la House Hunter di Torino

110
SHARE
Borgo Po, lo studio di Ezio Gribaudo secondo la House Hunter di Torino
Borgo Po, lo studio di Ezio Gribaudo secondo la House Hunter di Torino

Lo studio di Ezio Gribaudo visto dalla nostra House Hunter di Torino, Laura Polesinanti

La nostra House Hunter di Torino, Laura Polesinanti, ci descrive le caratteristiche di uno degli edifici più affascinanti della città. Parliamo dello studio di Ezio Gribaudo.

Situato in via Biamonti 15, a Torino, è un progetto dell’Architetto Andrea Bruno. È stato costruito nel 1974. Ma vediamo il racconto della nostra House Hunter di Torino.

Borgo Po, lo studio di Ezio Gribaudo secondo la House Hunter di Torino

Camminando per Borgo Po alla ricerca di appartamenti capita di incontrare i dinosauri.

L’edificio in cemento armato che si trova in via Biamonti 15 è lo studio di Ezio Gribaudo. Artista, editore, collezionista, promotore culturale e viaggiatore instancabile che ha attraversato la storia dell’arte del XX secolo. Tra i suoi temi più noti: i Flani, i Ligogrifi, i Concili e i Dinosauri.

Il grande dinosauro in pietra che vive in giardino sembra far guardia al suo studio. Sono i viaggi in Australia e Nuova Zelanda e prima ancora a New York, dove Gribaudo visita l’American Museum of Natural History con sua figlia Paola, a inaugurare la stagione dei dinosauri nella sua opera.

Borgo Po, lo studio di Ezio Gribaudo secondo la House Hunter di Torino

Questi scheletri colpirono Gribaudo che pensò di raffigurarli in chiave pop, usando tecniche e materiali diversi. Ad esempio la juta, la carta, il legno, la sabbia, il piombo, l’antimonio, il bronzo e il polistirolo, cercando di dar loro un’impronta contemporanea.

La struttura del corpo del dinosauro interessa a Gribaudo fino al punto di riproporlo in statue di varie dimensioni, utilizzate anche come arredo urbano e oggetti quotidiani.

Particolare è anche l’edificio, nettamente in contrasto con il resto delle case di Borgo Po.

Lo studio dell’artista è in cemento armato a vista con cubi che sporgono irregolarmente dalla facciata. Nessun pilastro, ma solo due strutture portanti ai lati e ampie finestre con vista sulla città. L’Artista comprò il terreno a 50 m da casa sua per costruire lo studio.

Correlato:  I Kiss tornano in Italia e passano dal Pala Alpitour di Torino

Chiese aiuto al suo amico e ex compagno di corso alla Facoltà di Architettura Andrea Bruno. Il risultato è un’interessante testimonianza dell’uso di un linguaggio architettonico non convenzionale per l’epoca (1974) e per il contesto culturale torinese.

Camminare per le vie della città in cerca di case può riservare piacevoli sorprese. Il dinosauro di Ezio Gribaudo è forse una delle più bizzarre e sorprendenti.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here