Home Articoli HP Università di Torino dice sì alla donazione dei reni dopo i 50

Università di Torino dice sì alla donazione dei reni dopo i 50

13
SHARE
Università di Torino dice sì alla donazione dei reni dopo i 50

L’Università di Torino approva la donazione dei reni anche dopo la soglia dei 50 anni.

Chi l’ha detto che non si può donare un rene anche in tarda età? L’Università di Torino dopo un lungo studio ha deliberato: la sopravvivenza dei pazienti e dei reni trapiantati sono simili quando vengono utilizzati donatori di età compresa tra i 50 e gli 80 anni.

Questo studio include l’analisi di 647 trapianti di rene eseguiti tra il 2003 e il 2013 presso il Centro Trapianti Renali delle Molinette. Inoltre è stato pubblicato dall’autorevole rivista scientifica Clinical Journal of the American Society of Nephrology (CJASN). Gli Stati Uniti sono entusiasti della ricerca tant’è che il New York Times e CNN ne hanno parlato.

L’intero universo è sempre più alla ricerca di organi e questa “scoperta” torna particolarmente utile. Più persone possono donare, più vite possono essere salvate. Sicuramente è meglio avere un rene sano da un paziente anziano che trascorrere la propria vita facendo dialisi su dialisi. L’importante è individuare gli organi scrupolosamente, scartare quelli non validi e fare il matching giusto.

L’Università di Torino dimostra ancora una volta di essere all’avanguardia e sempre in prima linea per quanto riguarda la ricerca medica. Studi riconosciuti soprattutto a livello internazionale. Il Professor Bianconi (Ordinario di nefrologia presso l’Università di Torino e Direttore della struttura complessa di nefrologia-dialisi-trapianto rene alle Molinette e al CTO), artefice di questa ricerca epocale, si ritiene soddisfatto e ottimista riguardo al futuro della medicina d’urgenza.

Noi ci auguriamo (ovviamente di non averne necessità) che tutto funzioni perfettamente.

Carmen Terrazzino

(credit foto Torino nel cuore)

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here