Home Articoli HP Il Giardino della Principessa: alla scoperta di fiori dimenticati

Il Giardino della Principessa: alla scoperta di fiori dimenticati

51
SHARE
Il Giardino della Principessa: alla scoperta di fiori dimenticati

Riapre il Giardino della Principessa, la primavera porta con sè ricordi medievali.

Un viaggio indietro nel tempo attende i visitatori del Giardino della Principessa a Palazzo Madama: insieme ai fiori che sbocciano sui terrazzi della città, in piazza Castello ritornano a fiorire piante medievali che crescevano nel giardino della residenza reale. Il Giardino della Principessa è il luogo ideale in cui ristorarsi durante le afose giornate estive o per allenare il proprio pollice verde e scoprire i segreti per avere vasi rigogliosi che resistono al passare del tempo.

 

Il Giardino della Principessa: alla scoperta di fiori dimenticati

 

Dal 22 marzo, con l’arrivo della primavera, è possibile partecipare ai numerosi eventi organizzati per far riscoprire ai visitatori tutti i segreti della piante spontanee ed officinali che, in epoca medievale crescevano sul territorio piemontese e che davano refrigerio, ornamento o addirittura curavano i reali dell’epoca, ma che, col passare del tempo sono state dimenticate e sostituite da fiori esotici provenienti da altre parti del mondo.

 

Il Giardino della Principessa: alla scoperta di fiori dimenticati

Ogni mercoledì, da Marzo a Maggio, sarà organizzato un corso di giardinaggio, tenuto dal curatore Edoardo Santoro, con l’obiettivo di fare in modo che tutti i partecipanti possabo avere piante rigogliose, sane e vivaci anche a casa propria, nel contesto regale di Palazzo Madama e, anche i ritardatari, potranno seguire le lezioni previste in autunno che, insieme alle tecniche di cura e coltivazione, presenteranno i cambiamenti che avvengono dentro il Giardino della Principessa e scoprire tutte le rare piante che adornano le aiuole del palazzo.

Tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 10 alle 18, il Giardino della Principessa attende i suoi visitatori per svelarsi in tutta la sua bellezza e rarità. Un antico, verde e rigoglioso polmone che vi farà tornare indietro nel tempo e sentire profumi ormai dimenticati, odori persi nella storia, riportati alla luce per raccontare di re e regine, amori e guerre attraverso la delicatezza dei petali di un fiore.

Per informazioni sui corsi di botanica o, per qualsiasi altra domanda, consultate il sito di Palazzo Madama e, preparatevi ad un viaggio indimenticabile dentro il Giardino della Principessa.

 

Francesco Esposito

 

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here