Home Articoli HP Torino perde Prix Italia, trasferito a Milano

Torino perde Prix Italia, trasferito a Milano

42
SHARE
Torino perde Prix Italia, trasferito a Milano

Il concorso internazionale della Rai per i programmi di qualità, Prix Italia, lascia Torino per trasferirsi a Milano. 

Già nel 2016 il Prix Italia era stato spostato momentaneamente a Lampedusa, con la speranza che sarebbe tornato nella nostra città. Tuttavia è uscita comunicazione ufficiale sul sito della Rai, per cui dopo sette edizioni torinesi il Prix andrà nella vicina Milano.

Ma che cos’è esattamente il Prix Italia e perché era così importante e rinomato per la città?

Il Prix, come detto, è un concorso internazionale per programmi di qualità per Radio, TV e Internet, organizzato dalla Rai e che vede la partecipazione di 87 enti radiotelevisivi pubblici e privati in rappresentanza di 46 paesi dai cinque continenti.

I delegati dei suddetti paesi si occupano di scegliere quella che sarà la linea editoriale ed eleggeranno il Presidente. Rai si fa carico dell’organizzazione e ogni anno, nel mese di settembre, una delle città d’arte e di cultura italiana, si presta come location grazie alla collaborazione con gli Enti Locali. Ne risulta così un’importante vetrina per la città, nonché un’occasione unica per incontri e accordi professionali sulla qualità dei programmi che verranno.

Nel 2016 si era già interrotto il record torinese di presenze del Prix (sette anni consecutivi), con lo scopo di spostare l’attenzione dell’opinione pubblica sull’emergenza migranti, portando quindi l’evento sull’isola di Lampedusa.

Ma proprio mentre Torino attendeva fiduciosa di essere “richiamata” per settembre, sul sito ufficiale della Rai è uscita inequivocabile comunicazione che il Prix Italia 2017 (la 69° edizione) si svolgerà a Milano dal 29 settembre al 1 ottobre.

Inutile dire quanto la città sia rimasta delusa da questa scelta, sia perché perderà tutta la visibilità e i flussi di persone e lavoro che l’iniziativa avrebbe portato, sia perché la scelta è ricaduta nuovamente su Milano, città già “colpevole” di aver sottratto a Torino altre esclusive.

Fino al 2009 inoltre, il Prix Italia era stato un evento itinerante, che aveva poi messo le radici a Torino, in quanto città natale dell’organizzatrice Rai.

Incassato questo “colpo” per il 2017, vedremo che ne sarà del Prix Italia torinese nel 2018.

Francesca Palumbo

Commenti

Correlato:  Mercatini di Natale e solidarietà all'Associazione F.A.R.O.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here