Home Articoli HP Turismo, Torino sfiora i 5 milioni di visitatori: nel 2016 anno record

Turismo, Torino sfiora i 5 milioni di visitatori: nel 2016 anno record

1151
SHARE

Turismo, Torino vive un altro anno da record: sfiorati i 5 milioni di visitatori

Per il turismo, Torino sta investendo molto. E i risultati si vedono. Stando a quanto riportano l’Osservatorio sul turismo della Regione e del Comune, il 2016 è stato un anno da record.

Sono stati registrati ben 4 milioni e 800mila visitatori in città. Un aumento del 2,41% nelle presenze, mentre gli arrivi hanno fatto segnare un +2,67%. I pernottamenti regionali hanno toccato invece quota 14 milioni. In calo, tra gli indicatori, solo i turisti stranieri: solo 1 milione e 800mila. Ciononostante, il risultato è stato uno dei migliori degli ultimi dieci anni.

Le mete più gettonate dai turisti sono quelle di Torino e provincia. Come dimostrano i dati, le Atl di Turismo Torino e Provincia e del Distretto dei Laghi si posizionano in prima fila rispettivamente con 6 milioni e 800 mila e 3 milioni e 400 mila pernottamenti. Tra esse, le crescite più evidenti sono state realizzate dall’Atl di Langhe e Roero (+9,6% arrivi, +7,4% presenze) e di Asti (+11,3% arrivi e +8,7% presenze).

I numeri sono ancora più incoraggianti se si pensa che sono stati superati i dati del 2015. Un’altra annata da record, caratterizzata dall’ostensione della Sindone, dalla partnership con Berlino, dall’evento “Torino Capitale dello Sport” e dall’Expo di Milano.

Le dichiarazioni di Chiamparino al riguardo

Una cosa è certa, secondo Sergio Chiamparino: nel turismo, Torino non deve vedere l’alternativa all’industria. Il Presidente della Regione è visibilmente felice di quanto è stato fatto. Ci tiene però a precisare che occorre recuperare anche il comparto industriale, molto colpito dalla crisi economica.

Il turismo, dunque, dà grandi soddisfazioni, ma non può essere la toppa al sistema economico locale. Verranno effettuati nuovi investimenti, che non andranno a gravare su fondi destinati alle imprese degli altri settori. Questo per permettere un rilancio congiunto di un’economia apparsa in grosse difficoltà negli ultimi anni.

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here