Home Articoli HP Turismo, Torino sfiora i 5 milioni di visitatori: nel 2016 anno record

Turismo, Torino sfiora i 5 milioni di visitatori: nel 2016 anno record

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Turismo, Torino vive un altro anno da record: sfiorati i 5 milioni di visitatori

Per il turismo, Torino sta investendo molto. E i risultati si vedono. Stando a quanto riportano l’Osservatorio sul turismo della Regione e del Comune, il 2016 è stato un anno da record.

Sono stati registrati ben 4 milioni e 800mila visitatori in città. Un aumento del 2,41% nelle presenze, mentre gli arrivi hanno fatto segnare un +2,67%. I pernottamenti regionali hanno toccato invece quota 14 milioni. In calo, tra gli indicatori, solo i turisti stranieri: solo 1 milione e 800mila. Ciononostante, il risultato è stato uno dei migliori degli ultimi dieci anni.

Le mete più gettonate dai turisti sono quelle di Torino e provincia. Come dimostrano i dati, le Atl di Turismo Torino e Provincia e del Distretto dei Laghi si posizionano in prima fila rispettivamente con 6 milioni e 800 mila e 3 milioni e 400 mila pernottamenti. Tra esse, le crescite più evidenti sono state realizzate dall’Atl di Langhe e Roero (+9,6% arrivi, +7,4% presenze) e di Asti (+11,3% arrivi e +8,7% presenze).

I numeri sono ancora più incoraggianti se si pensa che sono stati superati i dati del 2015. Un’altra annata da record, caratterizzata dall’ostensione della Sindone, dalla partnership con Berlino, dall’evento “Torino Capitale dello Sport” e dall’Expo di Milano.

Le dichiarazioni di Chiamparino al riguardo

Una cosa è certa, secondo Sergio Chiamparino: nel turismo, Torino non deve vedere l’alternativa all’industria. Il Presidente della Regione è visibilmente felice di quanto è stato fatto. Ci tiene però a precisare che occorre recuperare anche il comparto industriale, molto colpito dalla crisi economica.

Correlato:  Blue Air, i nuovi collegamenti in arrivo: si parte con Copenhagen

Il turismo, dunque, dà grandi soddisfazioni, ma non può essere la toppa al sistema economico locale. Verranno effettuati nuovi investimenti, che non andranno a gravare su fondi destinati alle imprese degli altri settori. Questo per permettere un rilancio congiunto di un’economia apparsa in grosse difficoltà negli ultimi anni.



Commenti

SHARE