Home Articoli HP Aeroporto di Caselle, boom di passeggeri e fatturato nel 2017

Aeroporto di Caselle, boom di passeggeri e fatturato nel 2017

407
SHARE
Aeroporto di Caselle, boom di passeggeri e fatturato nel 2017
Aeroporto di Caselle, boom di passeggeri e fatturato nel 2017

Aeroporto di Caselle, numeri da record nella prima parte del 2017

L’aeroporto di Caselle ha fatto registrare numeri da record in questa prima parte del 2017. Lo conferma la Sagat, l’azienda che gestisce il “Sandro Pertini”.

Da inizio anno, i passeggeri sono aumentati del 7,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un dato molto incoraggiante, soprattutto se si pensa che, nel 2016, gli utenti sono stati quasi quattro milioni. Il numero più alto di sempre, destinato a essere superato ulteriormente.

Il numero sopracitato evidenzia una tendenza sempre più consolidata: l’aumento dei voli di linea internazionali. In questo settore, in particolare, l’aumento registrato rispetto all’anno scorso è stato dell’11,1%. Le mete più gettonate sono state finora Inghilterra, Spagna, Germania, Francia e Romania.

Gli altri indicatori positivi

Con un fatturato di 56 milioni 695 mila euro, la Sagat non può che dirsi soddisfatta. La crescita rispetto al marzo 2016 è stata del 16,6%. L’utile netto è stimato invece in 6 milioni 453 mila euro.

Molti dei progressi sono dovuti ai massicci investimenti di compagnie come Ryanair e Blue Air. Proprio la compagnia rumena ha incrementato a dismisura le sue linee, guadagnandosi il ruolo di leader del “Pertini”.

L’aeroporto di Caselle è stato anche oggetto di numerosi investimenti, di varia natura. Impianti e interventi infrastrutturali sono costati la bellezza di 4,6 milioni di euro. Nonostante ciò, la posizione finanziaria dell’aeroporto di Caselle resta positiva, con un attivo di 17 milioni 523mila euro. Un passo in avanti di ben 12 milioni 646mila euro rispetto all’anno precedente.

Dunque, Caselle si gode il suo periodo d’oro, con le soddisfazioni che arrivano praticamente su ogni fronte. Se queste tendenze si consolideranno, Torino potrà contare su un elemento sempre più solido per il suo settore turistico.

Correlato:  Altro che Milano, Madonna in visita al Museo egizio

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here