Home Articoli HP Ospedale Maria Adelaide: quale sarà il suo destino?

Ospedale Maria Adelaide: quale sarà il suo destino?

48
SHARE
Ospedale Maria Adelaide: quale sarà il suo destino?

Da residenza per i profughi a struttura in degrado: cosa ne faranno dell’Ospedale Maria Adelaide?

I residenti e i commercianti del quartiere Aurora erano già preoccupati per il futuro dell’Ospedale Maria Adelaide. Ora però prevale il dispiacere nel vedere una struttura così grande cadere in degrado. Si era parlato di farne un rifugio per i profughi, una struttura della futura Casa della Salute ma al momento non si sa molto. Purtroppo non verrà presa in considerazione come poliambulatorio come lo sono l’ex Valdese e come lo sarà l’Oftalmico; ancora una volta a Torino abbiamo edifici lasciati a marcire senza conoscerne il destino. Un potenziamento dell’assistenza sanitaria sarebbe ideale e la Regione sta cercando di far questo ma l’Ospedale Maria Adelaide a quanto pare non rientra nei piani.

E’ trascorso un anno da quanto tutti i reparti dell’ex ospedale sono stati trasferiti alle Molinette, Regina Margherita e CTO. La struttura è deserta, anche se in buone condizioni dato che è sorvegliata. A novembre ha ospitato la mostra “The Others”, ma è stata l’ultima volta in cui ne abbiamo sentito parlare. I commercianti, dopo la chiusura, ne hanno risentito parecchio; venivano persone da tutta Italia per curarsi all’Ospedale Maria Adelaide. I clienti sono calati, nella maggior parte dei settori che caratterizzano il quartiere: bar, negozi di alimentari, etc. Nella zona nessuno si spiega questa chiusura perché, a detta loro, la struttura funzionava parecchio ed era molto comoda per gli anziani, che ora si trovano obbligati a spostarsi alle Molinette.

C’è un malcontento generale. I residenti sono dispiaciuti per questo triste destino. Il Comune e la Regione al momento non sanno cosa fare. Non ci resta che aspettare e sperare che il Maria Adelaide risorga dalle ceneri.

Correlato:  Le secche e le piene trasformano il Po in un fiume tropicale

Carmen Terrazzino

(credi foto La Stampa)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here