Home hp2 Torino, i tram più veloci e numerosi grazie ai semafori sempre verdi

Torino, i tram più veloci e numerosi grazie ai semafori sempre verdi

75
SHARE
Torino, i tram più veloci e numerosi grazie ai semafori sempre verdi
Torino, i tram più veloci e numerosi grazie ai semafori sempre verdi

Torino, i tram sono sempre più veloci e numerosi con le nuove misure

A Torino, i tram sono sempre più veloci grazie alle misure adottate.

I semafori sempre verdi danno modo ai mezzi pubblici di avere la precedenza in punti molto trafficati della città. Un particolare non da poco, che permette alle varie linee coinvolte di risparmiare tempo sulla durata dei tragitti.

La rete di semafori intelligenti rappresenta un investimento molto importante per il Comune. Non solo in termini economici, dato che si parla di una cifra di 1,6 milioni di euro. Gli incroci coinvolti sono quelli di corso Peschiera, corso Tassoni, corso Regina Margherita, corso San Maurizio, corso D’Azeglio e corso Einaudi. Punti cardine della viabilità torinese, che spesso rallentano i mezzi pubblici.

Sono esempi positivi di questa iniziativa le linee 15 e 16. Entrambe hanno fatto registrare risparmi, in termini temporali, di 5-6 minuti sul tempo di percorrenza della tratta. La maggiore velocità permette a Gtt di offrire un servizio più ampio, con una corsa in più durante il giorno. I buoni risultati spingono l’azienda ad adottare gli stessi provvedimenti sulla linea 9.

Prossimamente, anche il 18 potrà tornare tram. Se non per l’intera giornata, almeno per buona parte delle corse giornaliere. Questo potrà avvenire solo grazie a fondi regionali, che saranno destinati all’acquisto di 10 nuovi tram. Per il 13, tornato tram da oltre un anno, si parla invece della sostituzione di parte del materiale rotabile.

Per ora, però, la priorità è rendere più rapidi i veicoli su rotaie. A Torino, i tram viaggiano a circa 15 km orari. Una velocità irrisoria rispetto alle altre città europee, che, in alcuni casi, doppiano i mezzi torinesi. Dunque, per Gtt ci sarà molto da fare. La strada intrapresa, però, sembra essere quella giusta.

Correlato:  Torino, si punta a riaprire i Murazzi entro il 2018

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here