Home Articoli HP Tettoia dell’Orologio, l’orario continuato parte da metà marzo

Tettoia dell’Orologio, l’orario continuato parte da metà marzo

10
SHARE
Tettoia dell'Orologio, l'orario continuato parte da metà marzo
Tettoia dell'Orologio, l'orario continuato parte da metà marzo

Tettoia dell’Orologio, l’orario continuato arriva a metà marzo, dal martedì al sabato

Un grande cambiamento per la Tettoia dell’Orologio, l’orario continuato, partirà dalla metà di marzo.

Una piccola rivoluzione, che investe uno dei simboli del commercio di Torino. I 15 ingressi del IV Mercato Alimentare di Porta Palazzo saranno aperti per tutto il giorno, senza osservare le canoniche tre ore di pausa. In precedenza, le attività restavano chiuse dalle 13 alle 16. Ora, dal martedì al venerdì l’orario di riferimento sarà 08:00 – 19:00. Il sabato 07:30 -19:00. Il lunedì resta confermato come giorno di chiusura.

La decisione non è stata accolta all’unanimità dai 79 esercenti. Durante la votazione, si è espresso a favore dell’iniziativa poco più del 60% dei commercianti.

Per la Tettoia dell’Orologio, l’orario continuato può rappresentare una grande opportunità di aumento degli incassi. Come già spiegato dal Presidente della Società Cooperativa proprietaria del IV Mercato Alimentare, la clientela è essenzialmente composta da anziani. Con questa novità si potrà andare a cogliere anche clienti nuovi, come i lavoratori degli uffici circostanti. Si deve tenere conto anche del cambio di generi merceologici, dato che non ci si occuperà più solo di alimenti. A breve saranno introdotti anche altri prodotti, per rendere il mercato più appetibile. Per coloro che vanno di fretta, ci sarà anche l’opportunità di consumare pasti veloci, preparati al momento.

Per far conoscere questa novità, nella zona saranno affissi alcuni cartelloni e ci sarà una forte campagna di sensibilizzazione.

Dunque, un simbolo di Torino fa un piccolo passo verso la modernità. Il IV Mercato Alimentare cercherà di competere, a livello di orari, con i grandi centri commerciali della città.

 

(Foto da travelblog.it)

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here