Home Articoli HP Le piste ciclabili di Lungo Dora Napoli e Continassa saranno riqualificate

Le piste ciclabili di Lungo Dora Napoli e Continassa saranno riqualificate

69
SHARE
Le piste ciclabili di Lungo Dora Napoli e Continassa saranno riqualificate
Le piste ciclabili di Lungo Dora Napoli e Continassa saranno riqualificate

Manutenzione per le piste ciclabili di Lungo Dora Napoli e Continassa

Le piste ciclabili di Lungo Dora Napoli e Continassa saranno le prime a subire interventi di manutenzione.

La decisione è stata presa dalla Giunta Comunale, che ha iniziato a interessarsi al tema su segnalazione del Consiglio Comunale. Quello che è uno dei punti cardine del programma della Giunta Appendino sta incontrando diversi problemi, e bisogna correre ai ripari.

Ultimamente, l’obiettivo principale è quello di costruire sempre più piste ciclabili. Ne sono esempio le ambiziose idee dei tratti Torino – Milano e Torino – Venezia (VenTo), ma non solo. Si è pensato di potenziare gli spazi di via Nizza e di fare una pista tra via Cavalli e corso Matteotti.

Questa tematica sta molto a cuore all’amministrazione locale, che mira a educare i torinesi a un trasporto sempre più ecologico. Ci sono però dei problemi non certo di poco conto in questa politica green. Parliamo della manutenzione delle piste, che spesso versano in uno stato poco gradevole. Gli interventi per ripulire e rimettere a nuovo i tratti sono responsabilità delle Circoscrizioni, che però lamentano la mancanza di fondi. Un immobilismo che può essere risolto solo con la destinazione di apposite cifre, da parte del Comune, a determinate opere.

Per questo, l’Assessora ai Trasporti e Viabilità, Maria Lapietra, ha già fatto sapere che si interverrà sui principali tratti degradati. I primi, come già anticipato, saranno le piste ciclabili di Lungo Dora Napoli e Continassa. Il costo non è ancora definito, poiché queste opere rientrano nei bilanci delle Circoscrizioni e non possono essere rese note dal Comune.

Dunque, iniziano le manovre per riqualificare le piste già esistenti. Solo in seguito si potrà pensare alla realizzazione di quelle nuove.

Correlato:  BiblioTour: le più belle biblioteche torinesi in un itinerario speciale

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here