Home Articoli HP Record per l’aeroporto di Caselle: 2016 con numeri da capogiro

Record per l’aeroporto di Caselle: 2016 con numeri da capogiro

316
SHARE
Record per l'aeroporto di Caselle: 2016 con numeri da capogiro
Record per l'aeroporto di Caselle: 2016 con numeri da capogiro

Caselle ha chiuso il 2016 in bellezza! Percentuale di viaggiatori in aumento grazie anche alla compagnia low cost Blue Air.

Un record del genere non si vedeva dal 2011: 3.950.908 passeggeri e crescita del 7,8%. Il traffico di linea internazionale è aumentato dell’11,1%, dal 40% al 48% del totale, quello linea low cost sale dal 25% al 52%. Il traffico nazionale registra un +7,3%. In aumento del 6,3% i movimenti di aviazione commerciale.

Praticamente sono 36 i mesi consecutivi di crescita!

Le destinazioni più gettonate? Roma con oltre 635 mila passeggeri, Londra con 303.441 passeggeri (+22,8%) e da Catania con 300.360 passeggeri (+24,4%). Seguono Napoli, Francoforte, Barcellona, Parigi, Bari, Palermo e Monaco.

La meta più cool del 2016? La Spagna! +34% sui voli di linea per Barcellona, Madrid, Valencia, Ibiza, Minorca e Palma di Maiorca, oltre 373 mila passeggeri.

Il rafforzamento della base Blue Air, diventato secondo vettore per numero di passeggeri, ha portato alla creazione di oltre 100 posti di lavoro.

Il network dell’Aeroporto di Torino vanta oggi un ampio ventaglio di destinazioni dirette in tutta Europa ed ottimi collegamenti con gli aeroporti del Sud Italia e delle Isole e che verrà arricchito ulteriormente nel 2017 dalle nuove destinazioni recentemente annunciate: Copenaghen, Lisbona, Malaga, Siviglia e Oradea con Blue Air e Pantelleria con Volotea. Il 24 dicembre ha iniziato ad operare il volo per Mosca della compagnia S7 che continuerà per tutto il 2017. Anche la stagione invernale si è arricchita con nuovi voli di linea per Bristol, Londra Luton e Manchester con Easyjet, Edinburgo con Jet2.com, Londra Gatwick e Manchester con Monarch.

L’ Aeroporto di Torino-Caselle è impegnato costantemente a migliorare l’offerta voli mantenendo l’equilibrato mix tra vettori tradizionali e low cost e a rendere più piacevole la permanenza dei passeggeri nello scalo con l’apertura di nuovi negozi e punti ristoro.

Detto questo, non ci resta che viaggiare, viaggiare e viaggiare!

Carmen Terrazzino

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here