Home Articoli HP Seeyousound Festival, la musica prende vita a Torino

Seeyousound Festival, la musica prende vita a Torino

8
SHARE

Seeyousound International Music Film Festival, giunto alla terza edizione, è diventato in poco tempo un appuntamento atteso e un punto di riferimento per gli artisti che mettono al centro della loro ricerca artistica e poetica la ricca relazione fra cinema e musica.

Il festival che quest’anno ha come sottotitolo Music Comes Alive (la musica prende vita), il primo in Italia dedicato interamente al cinema a tematica musicale, porterà a Torino dal 27 gennaio al 4 febbraio, uno sfaccettato universo di lungometraggi, corti, documentari e videoclip.

La terza edizione si arricchisce: crescono le rassegne e passano da 8 a 10 i lungometraggi del concorso internazionale principale. Non cambia la struttura dell’evento che propone, oltre alla competizione, due rassegne internazionali fuori concorso. La prima intitolata Into the Groove racconta come la musica incarnandosi nei personaggi dei sei film selezionati possa trasformare le esistenze e il mondo che li circonda. La seconda rassegna, intitolata Trans-Global Express  è un viaggio pulsante alla scoperta di nuovi paesaggi sonori policromatici e sempre più ibridi, oltre gli stereotipi e i pregiudizi, con uno sguardo aperto verso un nuovo mondo.

I lavori, selezionati da tutto il mondo con un bando internazionale sono accomunati dalla capacità di usare il linguaggio del cinema, mescolandolo dall’interno a quello musicale. Non mancheranno momenti di approfondimento co, workshop, showcase, djset, feste e addirittura una graphic novel che avrà per protagonista Syd Barrett.

L’energia di una sonorizzazione aprirà il festival, con un omaggio ad una delle pellicole che hanno segnato la storia del cinema fantascientifico contemporaneo. Una composizione inedita, curata da Andrea Ravizza, iscritto all’ultimo anno del Biennio Accademico di Composizione al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, e suonata dal vivo da un ensemble formato da studenti del Conservatorio coordinati e diretti da Carlo Bertola, docente titolare della classe di Musica da Camera, che ha seguito durante l’anno con un corso appositamente istituito il progetto speciale pensato proprio per Seeyousound.

Correlato:  Corso Traiano: apre un altro supermercato e il Comune incassa 850mila euro

liberation_day2017

Il film che aprirà il festival sarà Liberation Day, una première italiana che racconta l’incredibile storia del primo concerto rock organizzato in Corea del Nord.
Protagonisti sullo schermo sono i Laibach, gruppo rock industrial sloveno che non ama le etichette e che ha fatto della provocazione la propria cifra stilistica. Sotto la guida di un fan di vecchia data, portano le loro canzoni di fronte a un pubblico totalmente digiuno di rock’n’roll e ignaro del suo potere, affrontando l’ideologia del regime, la ferrea censura e le differenze culturali.

INTO THE GROOVE è la rassegna che racconta la realtà attraverso la forza e l’impatto della musica, un viaggio provocatorio e inaspettato attraverso emozioni forti. Arriva finalmente in Italia, grazie a Seeyousound, Born to be Blue di Robert Budreau il film che narra la drammatica storia di Chet Baker, magistralmente interpretato da Ethan Hawke.

born-to-be-blue_btbb_day21-0045

TRANS-GLOBAL EXPRESS è il titolo della rassegna “storica” di Seeyousound, un viaggio di esplorazione e scoperta di nuovi paesaggi sonori globali, dove incontri inaspettati creano i suoni del futuro perché l’innovazione può nascere soltanto dalla contaminazione e dalla consapevolezza che la cultura non è né statica né immutabile. Seeyousound diventa così una occasione quasi unica per conoscere, attraverso storie musicali, paesi lontani e storie straordinarie.

Passando alla Competizione Internazionale, la sezione LONG PLAY, relativa ai lungometraggi, segue anche quest’anno un fil rouge che racconta della ricerca di affermazione, dell’ascesa e la caduta o della geniale follia falciata dall’industria discografica, di uomini tesi irrimediabilmente verso la musica.

7 INCH è il concorso dei cortometraggi, che nonostante l’incremento di iscrizioni e il notevole miglioramento qualitativo medio,  è limitato a “soli” dieci titoli. La volontà è infatti quella di dare a ogni cortometraggio la meritata visibilità, e agli spettatori la possibilità di scoprirli tutti. Animazioni, documentari, sperimentazioni e racconti di fiction; guerra, migrazione, relazioni. Storie di personaggi più e meno famosi incontrati nella finzione – Bob Dylan Hates Me, dell’americano Caveh Zahedi – o nella realtà come in Homeland della svedese Sara Bros nel quale la protagonista riceve l’inaspettata e sconvolgente visita del suo beniamino Morten Harket leader degli A-Ha. Incontri che possono cambiare anche la vita di un artista come nella fiction Midnight of My Life, dove Martin Freeman interpreta un annoiato musicista dal passato glorioso che in una serata senza aspettative vede nascere una nuova speranza. In questa sezione gli unici due film italiani del festival: Lo Steinway, produzione torinese diretta da Massimo Ottoni che vede la musica protagonista nelle trincee della Prima guerra mondiale, quasi una versione animata e musicale di “Torneranno i pirati”, di Ermanno Olmi e “Inagibile”, che racconta attraverso la storia di un musicista il trauma di chi vive la devastante esperienza di un terremoto.

Correlato:  European Pizza&Pasta Show, trionfa il torinese Andrea Bosio

inagibile_directors_giulia_-natalia_comito-tommaso

SOUNDIES è il concorso dei videoclip intitolato a Nicola Rondolino. Una sfida importante per Seeyousound, che scava in una produzione immensa fra gli oltre 430 che si sono iscritti da tutto il mondo, selezionandone 40.

Chemical Brothers, Radiohead, Jamie xx, Kiwanuka, Kings Of Leon fra gli stranieri, Raphael Gualazzi, Max Gazzè, Verdena, Joan Thiele, Shade, Motta fra gli italiani sono solo alcuni fra i nomi più noti i cui video verranno presentati al Festival.
Nato come alternativa all’esibizione live, il clip, divenuto oggetto promozionale per aumentare le vendite dei dischi e le date dei concerti, oggi è uno strumento di comunicazione importantissimo.

Oltre ai premi del concorso principale, ne verranno assegnati altri: il premio DAMS Torino, il premio al miglior Storytelling, un premio alla distribuzione e l’OST Rolling Stone Award. Anche in questa terza edizione, infatti, Seeyousound gode della media partnership con Rolling Stone Italia, che conferma una forte passione per la “settima arte”.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here