Home Arte Buon compleanno Carlo Emanuele!

Buon compleanno Carlo Emanuele!

74
SHARE

Carlo Emanuele I compie 455 anni, ma non li dimostra!

Per festeggiare il suo compleanno, i Musei Reali propongono tre speciali visite guidate alla mostra Le meraviglie del mondo, dedicata alle straordinarie collezioni del duca – ed esposta ai Musei Reali fino al 2 aprile – giovedì 12 gennaio alle 15, 16 e 17, durante le quali sarà possibile ammirare il Pronostico pel duca Carlo Emanuele I del 1562, una sorta di oroscopo in passato attribuito anche a Nostradamus, celeberrimo autore di profezie.

Le visite saranno introdotte da Antonietta De Felice che illustrerà il foglio manoscritto, normalmente custodito presso la Biblioteca Reale, e seguiranno i percorsi guidati da Sara Comoglio, Lorenza Santa e Alessandro Uccelli.

Al termine della visita il pubblico potrà proseguire autonomamente il percorso presso la Biblioteca Reale.

Le visite guidate sono gratuite e incluse nel biglietto di ingresso ai Musei Reali. È consigliata la prenotazione a
pr-to.info@beniculturali.it

il-giovane-carlo-emanuele-i-a-10-anni-nel-dipinto-di-giacomo-vighi-detto-largenta_1572-circa

Carlo Emanuele I nasce a Rivoli il 12 gennaio 1562 da Emanuele Filiberto, duca di Savoia, e Margherita di Valois, figlia del re di Francia Francesco I. Alla sua nascita la madre ha già 38 anni: un’età considerata inadatta a procreare, tanto che si pensava ormai che il ducato non avrebbe avuto eredi.

Come spesso accadeva all’epoca, il legame tra Emanuele Filiberto e Margherita è frutto di un calcolo politico: il duca aveva di fatto perduto i suoi territori per la politica poco accorta del suo predecessore, Carlo II di Savoia detto il Buono. Dopo aver guidato alla vittoria l’esercito spagnolo nella battaglia di San Quintino (1557), il duca accetta la pace stabilita a Cateau-Cambresis nel 1559 in cui gli vengono restituiti i territori a patto che si unisca in matrimonio con la figlia del re Francesco I.

Da queste nozze nasce Carlo Emanuele I: ambizioso, colto, amante delle lettere, delle arti e delle scienze, il giovane duca – in continuità con le scelte del padre che nel 1563 aveva trasferito la capitale sabauda da Chambéry a Torino – si prodiga per un importante rinnovamento culturale e artistico della città.

Eredita da Emanuele Filiberto la visione strategica e l’attitudine militare; dalla madre, Margherita di Valois, l’attenzione per la cultura e il gusto del bello. La moglie, Caterina Micaela d’Asburgo Infanta di Spagna, contribuisce ad ampliare i suoi orizzonti portando a corte la cultura spagnola.

Commenti

SHARE
Previous article“A l’è andàit dal cul”, l’espressione torinese che ha radici romane
Next articleMondovicino, navette gratuite per andare all’outlet durante i saldi
Laureato in Scienze della comunicazione con un Master in Informazione, New Media e comunicazione plurimediale, conseguito nel 2012. Giornalista pubblicista, grande appassionato di teatro, inizia a frequentarlo come spettatore, e dal 2003 in qualità di operatore dell’informazione e critico teatrale, collaborando con numerose testate e webzine di settore, specializzandosi soprattutto nel teatro musicale. Giornalista pubblicista, è inoltre membro dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro e fa parte della giuria di PrIMO, il Premio italiano per il musical originale, ideato da Franco Travaglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here