Home Articoli HP “Amici del Fiume”, dopo l’incendio doloso si punta a una raccolta fondi

“Amici del Fiume”, dopo l’incendio doloso si punta a una raccolta fondi

2
SHARE
"Amici del Fiume", dopo l'incendio doloso si punta a una raccolta fondi

Il circolo dei canottieri “Amici del Fiume“, dopo lo spiacevole episodio dell’incendio doloso, punta a ripartire grazie a una raccolta fondi.

L’idea è del presidente, Mauro Crosio, che sta cercando di rimettere in piedi un’attività messa in seria difficoltà da un atto a dir poco spregevole. Nella serata del 29 dicembre 2016, infatti, qualcuno si è introdotto all’interno del circolo, forzando il lucchetto che chiudeva la struttura. Dopodiché, ha dato fuoco alle imbarcazioni. Dodici di queste sono andate completamente distrutte, mentre otto sono state recuperate, anche se le condizioni dei natanti sono pessime. Un danno enorme, che l’assicurazione di riferimento del circolo non coprirà del tutto.

Crosio ha lanciato dunque un appello a tutti gli appassionati e al mondo dello sport, richiedendo un aiuto concreto per far ripartire un’attività che ha una storia ventennale fatta di grandi sacrifici. Per questo, ha reso noto il codice Iban del conto intestato al Circolo Amici del Fiume Asd, che è così composto: IT89U0333201000000001610777. Qui, coloro che ne hanno l’intenzione e la possibilità, potranno fare versamenti volontari per sostenere la ripresa del circolo. Per l’accredito sull’iban è necessario specificare la causale “Erogazione Liberale a favore associazione Circolo Amici del Fiume. Incendio dicembre 2016”.

Una situazione che può essere risolta solo grazie all’aiuto del mondo dello sport e degli appassionati, che possono salvare la vita a questo circolo.

Commenti

Correlato:  Due torinesi nella classifica delle 100 persone più influenti dell'arte contemporanea

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here