Perché a Torino la polizia si chiama “Madama”?

Perché a Torino la polizia si chiama “Madama”?

9
SHARE

Il corpo di polizia a Torino, viene da sempre soprannominato “Madama”. Perché?

Da più di 150 anni, ossia dalla nascita delle Guardie di Pubblica Sicurezza a Torino, la polizia viene definita “Madama”. Ma quali sono le origini di questo termine con cui i malavitosi definiscono le forze dell’ordine?

L’11 luglio del 1852 nacque a Torino il corpo di polizia, denominato all’epoca “Guardie di Pubblica Sicurezza”. In breve tempo si presentò il problema di trovare una sede per la nuova istituzione e la scelta ricadde su Palazzo Madama, nella centralissima piazza Castello.

Siccome la nomenclatura originaria della polizia non era facilmente ricordabile dai più, i torinesi iniziarono a soprannominare la Guardia “Madama”, in relazione al nome del palazzo che la ospitava. In breve tempo anche i malavitosi adottarono questo nome e ancora oggi, più di 160 anni dopo, l’avvicinarsi della “Madama”, non è di buon auspicio per loro.

Un po’ di fantasia popolare, insieme con l’ausilio dell’infallibile passaparola, hanno saputo creare una tradizione che ha travalicato i secoli, facendoci arrivare al 2017 con un soprannome riconosciuto anche al di fuori di Torino.

La creazione della Guardia di Pubblica Sicurezza è persino antecedente all’Unità d’Italia (avvenuta nel 1861) e la sua fama indubbiamente l’ha preceduta nel tempo. Anche se la storica sede di Palazzo Madama è mutata, ancora oggi i torinesi e gli amanti della storia della città sanno che “Madama”, significa polizia.

Francesca Palumbo

Correlato:  I simboli di una Torino che cambia: buon compleanno Mole, benvenuto grattacielo

LEAVE A REPLY