Grande annata per la vendemmia del Piemonte: numeri da capogiro

Grande annata per la vendemmia del Piemonte: numeri da capogiro

0
SHARE
Grande annata per la vendemmia piemontese: numeri da capogiro
Grande annata per la vendemmia piemontese: numeri da capogiro

Ottimi dati per la vendemmia e i vini piemontesi – secondo Delia Revelli: “Questo farà sì che il vino 2016 Made in Piemonte possa mantenere alti standard qualitativi”

La vendemmia del Piemonte del 2016 ha superato i 2,5 milioni di ettolitri.

Un aumento che, a seconda delle zone, andrà dal 5 al 10 per cento rispetto allo scorso anno; questo è quanto emerge da Coldiretti su dati Ismea che fanno ben sperare per una annata di buona qualità.

Qualità e quantità vanno di pari passo perché le operazioni di vendemmia quest’anno sono partite con circa una settimana di ritardo. Il favorevole andamento climatico del mese di agosto e di inizio settembre ha agevolato la maturazione delle uve che hanno raggiunto il punto ideale – spiega il vicepresidente di Coldiretti Roberto Cabiale. Le temperature miti diurne e le notti fresche di settembre hanno favorito la corretta produzione degli zuccheri e degli elaborati in generale come le sostanze coloranti che determinano la qualità e, nel riposo notturno, la loro fissazione.

I numeri del settore parlano da soli: 28 mila aziende, 18 vini docg, 42 doc, quasi un miliardo di euro di valore delle esportazioni, il 18 per cento di tutto il comparto nazionale.

È quindi il momento di fare un altro salto sui mercati consolidati e su quelli emergenti. Difatti il 29 novembre è partito da Roma il tour mondiale che promuoverà nel 2017I grandi vini del Piemonte“.

Pregi e storie dei vini piemontesi e dei territori dove nascono verranno raccontati, partendo dai dati dell’ultima vendemmia, a “Il Piemonte a Palazzo“, a Palazzo Brancaccio, su iniziativa di Piemonte Land of Perfection, la società che “armonizza la strategia” della promozione nazionale e internazionale dei principali consorzi dei vini piemontesi, con il supporto della Regione Piemonte.

Il tour mondiale toccherà numerose città, da Bordeaux a Hong Kong, giusto per farvi capire l’importanza dell’evento.

Impossibile non essere orgogliosi di questi dati, di questa iniziativa che promuoverà il Piemonte e i suoi vini celebri come Barolo, Barbaresco, Gavi, Barbera, Erbaluce, Freisa, Brachetto, giusto per nominarne alcuni.

Il vino va promosso lontano dal paese natio ma ovviamente senza dimenticare le origini.

Carmen Terrazzino

LEAVE A REPLY