La Cavallerizza non è più in vendita: diventerà un luogo culturale

La Cavallerizza non è più in vendita: diventerà un luogo culturale

0
SHARE

La Cavallerizza Reale non è più in vendita.

Secondo quanto riferito dal vicesindaco Enrico Montanari e dalla Giunta Comunale, la struttura sarà riqualificata con denaro pubblico e sarà destinata a nuove funzioni.

Dopo la realizzazione di un piano di vendita, per non privatizzare saranno stanziati ben 8 milioni di euro. Un dietrofront molto costoso, perché le spese non finiscono qui: saranno infatti necessari 40 milioni di euro per ridare l’antico splendore alla Cavallerizza. Cinque milioni sono stati proposti, di comune accordo, dal Polo Reale e dalla Soprintendenza.

Gli altri fondi dovranno essere reperiti dal Comune di Torino, dalla Cassa Depositi e Prestiti, dall’Università, dal Teatro Stabile e dalla società di Cartolarizzazione. Tutti questi soggetti, inoltre, dovranno collaborare e discutere per decidere le finalità della nuova Cavallerizza, che sarà un luogo di incontro e di dibattito culturale.

Nonostante alcuni malumori della minoranza della Sala Rossa, pare che il percorso non si possa interrompere: le migliorie necessarie saranno apportate il prima possibile, anche se la struttura non sembra essere adatta sin da subito ad ospitare un gran numero di persone.

La data per l’inizio delle operazioni è ancora da definire, dato che non sono ancora stati trovati i finanziamenti necessari per partire con la riqualificazione.

La Cavallerizza è un pezzo di storia che Torino si tiene stretta e che potrà essere riutilizzata come punto di riferimento per la comunità.

Correlato:  Case della Salute, la Regione pronta ad aprire nuove strutture

LEAVE A REPLY