Home Articoli HP Piemonte, nel 2015 un giro d’affari di 5 miliardi di euro dalla...

Piemonte, nel 2015 un giro d’affari di 5 miliardi di euro dalla cultura

2
SHARE
Piemonte, nel 2015 un giro d'affari di 5 miliardi di euro dalla cultura
Piemonte, nel 2015 un giro d'affari di 5 miliardi di euro dalla cultura

La cultura si conferma, ancora una volta, come nuovo motore dell’economia piemontese.

A riportando è l’Osservatorio Culturale del Piemonte, che ha stimato in un totale di 5 miliardi di euro il giro d’affari generato dal settore in questione.

I dati dell’anno scorso parlano chiaro: almeno un piemontese su due ha guardato una proiezione cinematografica, mentre il 37% ha fatto visita a un museo. In misura nettamente minore, ma con numeri incoraggianti, la partecipazione agli spettacoli teatrali, con un piemontese su cinque presente ad almeno un’esibizione. Solo il 12%, invece, è andato ad apprezzare concerti di musica classica.

Gli ingressi nei musei della regione sono stati 5,66 milioni, con un bel +8% sul 2014. Gli enti pubblici hanno messo a disposizione, per tutte le iniziative, un budget di 250 milioni di euro, che hanno sostenuto 21mila imprese. Investimenti necessari, che hanno occupato 80mila lavoratori e hanno generato il già citato giro d’affari di 5 miliardi di euro.

La città trainante è Torino, con numeri in costante crescita da anni. Proprio il capoluogo piemontese riceverà un contributo di 685mila euro per la sostenibilità. Fondi che saranno erogati dall’Unione Europea e che saranno distribuiti in due parti: una, di 407mila euro, che proviene dall’iniziativa ROCK (Rigenerazione e ottimizzazione del patrimonio culturale nelle città creative e della conoscenza), che riguarda la cultura come nuova leva di crescita economica e di sviluppo sostenibile e urbanistico delle città; un’altra, di 278mila euro, che sarà offerta dal Programma di Cooperazione Internazionale INTERREG EUROPE (mediante il progetto MOLOC) e che sarà destinata alle nuove trasformazioni urbane.

Il Piemonte e Torino si affidano sempre di più al turismo e alla cultura: due armi necessarie per difendersi dalla crisi e per ripartire.

Correlato:  La Regione Piemonte stanzia 17,5 milioni per Residenze reali e siti Unesco

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here