Torino: grande crescita dei voli verso Caselle ( oltre il 300%)

Torino: grande crescita dei voli verso Caselle ( oltre il 300%)

0
SHARE

Il portale di viaggi online eDreams Odigeo ha incoronato Torino e Bologna come città italiane con il maggior numero di preferenze da parte dei turisti europei.

Il sondaggio portato avanti da eDreams fa notare come la città della Mole sia la più gettonata tra i viaggiatori del Vecchio Continente, argomentando questa tesi con un dato di cui andare davvero fieri: Torino sarà, nel 2017, la meta con il più alto tasso di crescita delle visite turistiche.

Questo risultato è dovuto non solo al potenziamento dell’aeroporto Sandro Pertini, ma anche all’aumento di tratte aeree low cost che si dirigono a Caselle. Un grandissimo incentivo che spinge sempre più persone ad arrivare nella nostra città, per apprezzare le bellezze del patrimonio storico e culturale con un costo davvero contenuto.

I già annunciati collegamenti con nuove città (soprattutto quelli della compagnia rumena Blue Air) daranno un’ulteriore spinta a questo sviluppo, che porterà, nel prossimo anno, ad avere un incremento delle partenze verso il capoluogo piemontese a tripla cifra rispetto al 2016. Un aumento impressionante, del 316%: numeri da capogiro che premiano le politiche attuate da Sagat, dalle compagnie e dalle amministrazioni locali.

Una piccola curiosità di questo successo: Torino è riuscita a mettersi alle spalle anche Astana, la città del Kazakistan che ospiterà, nel 2017, l’Expo dedicata all’Energia. Una nota che rende ancora di più l’idea dell’espansione turistica di Torino, che riesce a soffiare visitatori ad altre città, pur non avendo eventi di richiamo internazionale.

Torino riceve così, dopo la citazione da parte del New York Times (che aveva messo il capoluogo piemontese come città da visitare nel 2016 tra 50 mete suggerite, unica selezionata in Italia), anche una medaglia da eDreams: segno che, all’estero, la Mole sta davvero spopolando.

Correlato:  Estate 2016, tornano i parchi acquatici di Torino e del Piemonte

LEAVE A REPLY