Brueghel e la pittura fiamminga alla Reggia di Venaria

Brueghel e la pittura fiamminga alla Reggia di Venaria

0
SHARE

In mostra alla Reggia di Venaria, fino al 19 febbraio, i grandi capolavori dellʼarte fiamminga: da Hieronymus Bosch e Marten van Cleve ai Brueghel. Scopriamoli assieme.

La mostra BRUEGHEL-Capolavori dell’arte fiamminga alla Reggia di Venaria celebra il più importante gruppo di artisti delle Fiandre a cavallo tra il XVI e XVII secolo, coloro che sono stati interpreti dello splendore del ‘600 e la cui dinastia è diventata una firma d’eccellenza nell’arte pittorica.

Le opere esposte ripercorrono la storia di cinque generazioni, analizzando la rivoluzione realista portata avanti dal geniale capostipite della famiglia Pieter Brueghel il Vecchio, seguito dai figli Pieter Brueghel il Giovane e Jan Brueghel il Vecchio, e successivamente i nipoti e pronipoti illuminati come Jan Brueghel il Giovane e Abraham Brueghel.

La loro eredità artistica fu, poi, resa immortale dal contributo di fedelissimi affiliati di immenso talento come F. Wouters e Marten van Cleve, Hendrick van Balen e F. Francken.

La mostra, aperta fino al 19 febbraio 2017, è la storia di una dinastia e della bravura tutta fiamminga di raccontare, con dovizia di particolari e con un immancabile tocco di ironia, quegli aspetti del reale che regolavano la vita contadina, le attività degli uomini e la bellezza della natura, negli stessi anni in cui, nella nostra Penisola, imperava il tripudio del corpo umano con Michelangelo, Leonardo ei grandi protagonisti del Rinascimento italiano.

Tra le opere del percorso, suddivise in sette sezioni tematiche, spiccano alcuni dipinti come I sette peccati capitali di Hieronymus Bosch o Le Tre Grazie con un cesto di fiori, un olio su rame dipinto a quattro mani da J. Brueghel il Giovane e Frans Wouters. Sono da menzionare, ancora,

Correlato:  Venaria, due milioni per la Venere

Le sette opere di misericordia di Pieter Brueghel il Giovane, con le case senza pareti che ricordano i dipinti di Giotto e, sempre di sua mano, il dipinto usato come simbolo della mostra: Danza nuziale all’aperto, una fiabesca scena di festa contadina, che ci racconta in musica un momento di vita fiamminga.

La mostra, con il patrocinio della Città di Torino, è prodotta e organizzata da Arthemisia Group nelle Sale delle Arti della Reggia di Venaria e curata da Sergio Gaddi e Andrea Wandschneider. La splendida e maestosa cornice della Reggia ci accompagnerà in un viaggio nel passato, seducendoci e ammaliandoci.

Costo del Biglietto: Intero 14 € | Ridotto 12 € | Ridotto over 6 under 21 8 € | Scuole 4 € | Gratuito minori di 6 anni

Per maggiori informazioni: http://www.lavenaria.it/web/

 

Daniele Reali da Ceva

LEAVE A REPLY