Home Articoli HP Cosa fare questa settimana a Torino? (14-18 novembre)

Cosa fare questa settimana a Torino? (14-18 novembre)

19
SHARE
cosa fare questa settimana a torino

Ancora nel pieno dell’estate di San Martino, eccoci in procinto di iniziare una nuova settimana torinese, baciati da un sole che scalda i cuori e cullati di notte da una gigantesca luna silenziosa e protettiva.

Scenario poetico, no? E se nel weekend vale la pena approfittare delle condizioni climatiche favorevoli per concedersi delle gite fuori porta in mezzo alla natura, magari mangiando e bevendo in allegria, anche dal lunedì in poi è possibile trovare piacevole intrattenimenti per ammortizzare le giornate lavorative tra spettacoli, incontri culturali ed eventi in giro per la nostra città. Ecco allora qualche piccolo suggerimento su cosa fare questa settimana a Torino.

Partiamo con la musica, e con una delle cantanti più amate in Italia, la grintosa e suadente Elisa, che ha iniziato il suo “On Tour” l’11 novembre a Firenze. Una serata in cui l’artista ha voluto rendere omaggio allo scomparso Leonard Cohen con una personale interpretazione di Hallelujah, ricordandolo con queste parole: «Vorrei mandare tutti insieme un pensiero a uno dei più grandi poeti della musica che non c’è più, ma che ci ha lasciato tantissima bellezza, delle parole altissime, piene di poesia, piene di significato, piene di vita, piene di tutto». Questa sera, 14 novembre, Elisa si esibirà al Pala Alpitour, e poi porterà avanti in Italia la tournée fino al 7 dicembre.

Proseguiamo immergendoci nel mondo progressive rock dei King Crimson, gruppo britannico tra i più influenti nel panorama internazionale, sulle scene dal 1969: le tante suggestioni che hanno plasmato il loro sound li rendono un leggendario punto di riferimento per moltissimi artisti, attraversando tutti i generi, dal jazz al rock psichedelico, dall’heavy metal alla musica elettronica. Saranno al Teatro Colosseo il 14 e il 15 novembre: sul palco, assieme al leader Rober Fripp, saliranno Mel Collins al sassogono, Tony Levin al basso, Jakko Jakszyk alla chitarra e i tre batteristi Gavin Harrison, Jeremy Stacey e Pat Mastelotto.

Correlato:  Meteo: a Torino e Piemonte il cielo torna sereno

Martedì 15 novembre è anche la serata di Ornella Vanoni, l’artista italiana con la carriera più longeva in assoluto tra le sue colleghe, con 53 album pubblicati a partire dal 1958: ha partecipato a ben sette edizioni del Festival di Sanremo, raggiungendo il secondo posto nel ’68 (con Casa bianca) e piazzandosi per ben tre volte al quarto nel ’67, ’70 e ’99, anno in cui ha ricevuto anche il Premio alla carriera. L’appuntamento è per le ore 21 al Teatro Alfieri.

Proseguiamo la rassegna dei suggerimenti su cosa fare questa settimana a Torino con lo show di un nostro concittadino famoso in tutto il mondo. Stasera e domani 16 novembre Arturo Brachetti sarà in scena al Teatro della Concordia, a Venaria, con “Solo”: in questo nuovissimo spettacolo il trasformista aprirà le porte della sua casa, uno scenario surreale senza spazio e senza tempo, in cui si fondono verità e finzione, realtà e magia, con oltre 50 personaggi offerti al pubblico per la prima volta, e mirabili forme d’arte che si uniscono al trasformismo, come le ombre cinesi, il mimo e la chapeugraphie, oltre a grandi novità come la sand painting e il raggio laser.

Giovedì 17 al Circolo dei Lettori sarà ospite Paul Beatty, Man Booker Prize 2016 e a un passo dal Premio Pulitzer, che presenterà il suo libro Lo schiavista dialogando con Martino Gozzi, direttore organizzativo della Scuola Holden. «So che detto da un nero è difficile da credere, ma non ho mai rubato niente. Non ho mai evaso le tasse, non ho mai barato a carte. Non sono mai entrato al cinema a scrocco, non ho mai mancato di ridare indietro il resto in eccesso a un cassiere di supermercato»: ecco l’incipit del romanzo, storia di Bonbon, nato a Dickens nella periferia di Los Angeles, che, rassegnato al destino infame di un nero della lower middle class, ha in mente di ripristinare la schiavitù e la segregazione razziale nel ghetto. Una satira pungente sulla razza, la vita urbana e la giustizia sociale, un romanzo brillante che fa divertire e riflettere con intelligenza e lucidità.

Correlato:  Gtt, nuove politiche per la sicurezza

Infine, eccoci giunti a venerdì 18 novembre: signore e signori, ancora una volta si celebra in questo periodo l’inizio del godurioso connubio tra cinefilia e golosità, con l’inaugurazione del Torino Film Festival

Ma queste sono altre storie, da leggere più diffusamente nelle pagine di Mole24 dedicate a due degli eventi più amati nel capoluogo piemontese.

Manuela Marascio

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here