Home Articoli HP Villaggio di Babbo Natale, arriva il lieto fine: il Comune dà l’ok

Villaggio di Babbo Natale, arriva il lieto fine: il Comune dà l’ok

SHARE
Il Villaggio di Babbo Natale in piazza d'Armi a rischio: stop del Comune Torino
Il Villaggio di Babbo Natale in piazza d'Armi a rischio: stop del Comune Torino
Tempo di lettura: 1 minuto

Il Villaggio di Babbo Natale si farà, ma con svariate modifiche. La decisione è stata presa dal Comune e, in particolare, dall’Assessorato alla Cultura, con gli organizzatori che dovranno rinunciare a buona parte del loro progetto.

Innanzitutto, il Comune non dà il via libera per l’esposizione di prodotti e per la presenza di stand e bancarelle, quindi niente attività commerciali durante l’evento.

Nel mese e mezzo che va dal 26 Novembre all’8 Gennaio si potranno dunque solo ammirare le riproduzioni del villaggio di Santa Claus e l’atmosfera della casa dell’anziano più amato dai bambini, ci saranno pur sempre le visite guidate a opera dei folletti e sarà possibile visitare uno spazio complessivo di 17mila e 500 metri quadrati, che prevedono la realizzazione, oltre che della struttura del villaggio, anche del quartier generale di Babbo Natale

. La notizia dà un senso a metà tra la gioia e la delusione: si tratta, infatti, di una limitazione evidente di un evento che avrebbe affascinato i torinesi e avrebbe portato visitatori da altre parti d’Italia, data la sua particolarità e la maestosità del progetto.

Inutile dire che anche l’economia e il piacere di restare più tempo possibile al villaggio ne risentiranno, poiché non ci sarà l’opportunità di vedere gli stand di Street Food (e quindi per apprezzare una buona cucina all’aperto) e non ci saranno incassi per chi avrebbe dovuto sfruttare questa occasione come un modo per lavorare.

Correlato:  La magia delle Terre Ballerine, un bosco curioso in provincia di Torino

Le due ditte che aspirano alla completa organizzazione degli eventi del Natale hanno già fatto pervenire candidature e progetti al Comune, che li analizzerà e, in seguito, li valuterà con una scelta per mantenere il piano che sarà più facile da attuare, più economico e più attraente. Torino, dunque, non rinuncia al suo Natale, ma vede limitate le sue ambizioni.



Commenti

SHARE