Home Articoli HP Torino al quinto posto in Italia tra le città smart

Torino al quinto posto in Italia tra le città smart

444
SHARE
Torino è sempre più Smart City!
Torino è sempre più Smart City!

Torino è la quinta città più smart d’Italia.

Lo dice un rapporto di FPA che, con la consueta indagine annuale chiamata “ICityRate“, ha collocato il capoluogo piemontese al quinto posto nella speciale graduatoria stilata ogni dodici mesi. Un buon miglioramento, se si pensa che la città della Mole occupava, non più di un anno fa, la decima posizione. Ancora distanti le realtà di Milano, Bologna e Venezia, rispettivamente prima, seconda e terza classificata. Grande distacco dalla vetta invece per Roma, con la Capitale che vive un periodo molto difficile, che la relega alla 21esima piazza. Tra le altre province del Piemonte, Vercelli si colloca al 40esimo posto, Cuneo al 44esimo e Alessandria al 52esimo.

Il rapporto in questione, analizzando ben 106 Comuni capoluogo,tiene conto di 105 indicatori statistici e sette dimensioni tematiche: Economy (Economia) , Living (Vivibilità), Environment (Ambiente), People (Persone), Mobility (Mobilità), Governance (Amministrazione) e Legality (Tasso di criminalità).

Le buone notizie e gli elogi per la nostra città non sono però finiti qui. Anche la Governance gode di ottima salute, con Torino che si guadagna il terzo posto nella Penisola.

In sostanza, gli indicatori su cui si basano le analisi sono la capacità di accogliere e saper gestire i flussi migratori, la possibilità di attrarre cervelli e talenti e generare imprese innovative, l’interesse per i finanziamenti europei per la ricerca e per l’innovazione, l’agevolazione delle pratiche d’uso sociale degli spazi pubblici, l’attivazione di reti e relazioni per la sostenibilità e la gestione delle politiche smart e la garanzia degli adeguati livelli di sicurezza e legalità

In quasi tutti questi punti, la città amministrata prima da Fassino e ora dalla Appendino ha dimostrato di essere all’altezza e preparata per affrontare problematiche sociali nazionali e internazionali e per accogliere un’innovazione sempre più galoppante in una città in continuo movimento e mutamento come la nostra.

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here